• Articolo Tortona/Copenhagen, 29 ottobre 2012
  • Biofuel: Beta Renewables e Novozymes siglano un accordo

  • Beta Renewables ha stretto una collaborazione strategica con il colosso danese del biotech, Novozymes, per la fornitura di enzimi utilizzati per la produzione di biocarburanti da biomasse

(Rinnovabili.it) – Beta Renewables, leader mondiale nella produzione di carburanti e prodotti chimici da fonti rinnovabili e Novozymes, primaria azienda che opera a livello mondiale nel settore biotech, annunciano di aver siglato un accordo per la commercializzazione di soluzioni complete per la produzione di bioetanolo di seconda generazione a partire da biomasse lignocellulosiche, cioè non in conflitto con la catena alimentare.

L’accordo prevede l’acquisizione da parte di Novozymes di una quota minoritaria del 10% della società Beta Renewables pagando circa 90 milioni di euro per la quota azionaria, per commissioni commerciali e servizi.
Beta Renewables con la tecnologia Proesa®, messa a punto in 5 anni di ricerca e 140 milioni di euro di investimento, combinata con gli enzimi Cellic® prodotti da Novozymes, sarà in grado di convertire materie prime non-food da colture su terreni marginali, come ad esempio l’Arundo donax (la comune canna dei fossi) o scarti agricoli (come la bagassa della canna da zucchero o le paglie) in vari tipi di liquidi zuccherini con un costo molto inferiore rispetto alle tecnologie convenzionali. La tecnologia Proesa® sarà utilizzata per convertire biomasse lignocellulosiche in etanolo nel più grande impianto al mondo, che sorgerà a Crescentino (VC). L’ impianto sarà operativo entro la fine del 2012.

“Beta Renewables ha compiuto da poco il suo primo anno di attività e si è già dimostrata leader globale nella tecnologia per la produzione di biocarburanti di 2°generazione. Questo accordo ha una duplice valenza: da una parte rappresenta una completa integrazione della nostra tecnologia Proesa® con la tecnologia degli enzimi di Novozymes, dall’altra sancisce un’intesa della tecnologia e ricerca italiane con un partner di primaria importanza mondiale nella bio-based economy” ha dichiarato Guido Ghisolfi, CEO di Beta Renewables.

 

“La fase di  commercializzazione di bioetanolo di seconda generazione sta prendendo il via e questo accordo rappresenta una fantastica opportunità per  Novozymes. Beta Renewables è un’azienda che anticipa i tempi e che ha scelto la nostra società quale fornitore preferenziale di enzimi per l’impianto che si sta per inaugurare in Italia e per i progetti che stanno sviluppando a livello internazionale” ha detto Peder Holk Nielsen, Executive Vice President Enzyme Business di  Novozymes.