• Articolo Bruxelles, 6 febbraio 2013
  • Un accordo firmato tra 7 leader di settore

    Biofuel: un’alleanza europea ne garantirà la crescita

  • E’ stata firmata stamane l’iniziativa “Leaders of Sustainabile Biofuels”, accordo per la promozione, lo sviluppo e la diffusione dei biocombustibili in Europa

(Rinnovabili.it) – Per incentivare lo sviluppo dei biocarburanti in Europa gli amministratori delegati di 7 aziende produttrici di biocarburanti e linee aeree, hanno lanciato oggi a Bruxelles una nuova iniziativa industriale.

L’iniziativa denominata “Leaders of Sustainabile Biofuels” (Leader dei Biocarburanti Sostenibili) ha tra i firmatari il Gruppo Mossi&Ghisolfi di Tortona, tramite la controllata Beta Renewables, insieme a British Airways, BTG, Chemrec, Clairant, Dong Energy e UPM intenzionati a mettere insieme gli sforzi e le competenze nell’ottica di incentivare e stimolare la diffusione e l’adozione di nuovi biocarburanti industriali da inserire nel settore trasporti. A capo della coalizione il presidente di Mossi&Ghisolfi, anche CEO di Beta Renewables che ha dichiarato “Crediamo che i biocarburanti di seconda generazione rappresentino un elemento determinante per ridurre l’importazione di carburanti fossili in Europa”.

Sono orami sempre di più le compagnie aree che si affidano in parte ai biocombustibili per abbassare l’impatto inquinante delle tratte percorse e in quest’ottica risultano di importanza strategica i biocarburanti di seconda generazione, economicamente competitivi e con un ridotto impatto ambientale grazie alla derivazione da coltivazioni non alimentari. L’accordo vuole quindi stimolare il percorso dell’Europa nel raggiungimento dell’obiettivo europeo di riuscire a produrre entro il 2020 il 10% dei carburanti commercializzati da fonti alternative alle fossili che nascondono il potenziale di riduzione delle emissioni di gas serra del 65%.

Firmando l’accordo i leader si sono impegnati ad accelerare la ricerca e l’innovazione delle tecnologie legate ai biocarburanti di nuova generazione; sviluppare una “certificazione di sostenibilità” che possa essere accettata a livello mondiale; definire delle strutture di finanziamento per favorire la realizzazione di progetti per i biocarburanti sostenibili e promuovere pubblicamente i benefici dei biocarburanti sostenibili.