• Articolo Modena, 23 febbraio 2016
  • Dal biogas metano puro al 98% con la ricetta modenese

  • Da CPL CONCORDIA un’innovativa metodologia per depurare il biogas. Il sistema sarà presentato in anteprima alla Fiera di Roma

Dal biogas metano puro al 98% con la ricetta modenese

 

(Rinnovabili.it) -Trasformare il biogas grezzo in metano pronto all’uso richiede diversi processi di trattamento che vanno sotto il nome di upgrading. A seconda della composizione gas di partenza, infatti questa tecnica comprende la separazione di anidride carbonica, l’essiccamento, la rimozione delle sostanze in tracce come ossigeno, azoto, idrogeno solforato, ammoniaca o silossani nonché la compressione ad una pressione necessaria per l’utilizzo successivo.

 

Tra i vari sistemi oggi esistenti fa il debutto in questi giorni il nuovo processo firmato da CPL CONCORDIA, gruppo multiutility modenese. Quello studiato dalla società è un sistema di trasformazione del biogas  grezzo in biometano attraverso una tecnologia molecolare di depurazione chimico-fisica.

Qual è la novità? Nel processo di upgrading in fase liquida è da tenere in particolare conto il consumo energetico nella fase di rilascio. Il sistema che utilizza CPL, differentemente da quelli oggi esistenti, consente alle molecole di lavorare in un campo di temperature comprese tra 20-25°C nella colonna di assorbimento e 70-75°C in quella di rilascio; questo è dovuto alla particolare struttura chimica e alla presenza in soluzione di altri componenti in grado di influire sulla stabilità del prodotto di assorbimento rendendo più facile la separazione del gas. Il risultato è riuscir a ottenere  biometano puro al 98%.

 

“La qualità del processo di upgrading molecolare è l’elemento differenziante rispetto ai sistemi concorrenti. Essa consente di massimizzare l’efficienza di assorbimento e minimizzare l’energia di rigenerazione del fluido”, spiega Federico Bissoli, Oil and Gas Technologies Export Manager di CPL CONCORDIA. “Tra i vantaggi ottenuti con il nostro sistema”, prosegue Bissoli “si registrano l’efficacia nell’assorbimento della CO2, la bassa temperatura di rilascio della CO2, il minimo impatto ambientale, i ridotti costi di produzione e il massimo recupero termico”.  Il nuovo sistema  chimico-fisico sarà presentato al Biogas Italy, la Fiera che si terrà il 25 e 26 febbraio a Roma, al Nazionale Spazio Eventi presso il Rome Life Hotel. Il tema dell’edizione 2016 sarà il mondo del biogas nella “Rivoluzione Agricola”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *