• Articolo Londra, 10 luglio 2018
  • Una nuova flotta di bus a idrogeno per Germania e Regno Unito

  • Dal 2019 i progetti europei Jive e Jive 2 porteranno 62 nuovi autobus a fuel cell in quattro città europee

bus a idrogeno

 

Si mira a portare 300 bus a idrogeno sulle strade europee

(Rinnovabili.it) – La mobilità sostenibile? Passa anche per i bus a idrogeno. Uno degli strumenti più criticati della rivoluzione verde nel settore trasporti ha da poco messo radici in altre 4 città europee. Le britanniche Aberdeen e Dundee assieme alle tedesche Colonia e Wuppertal si spartiranno una flotta di 62 nuovi autobus a fuel cell come parte del progetto europeo JIVE (Joint Initiative for hydrogen Vehicles across Europe). L’iniziativa di ricerca, che è letteralmente raddoppiata a partire da gennaio di quest’anno con JIVE 2, nasce con l’obiettivo di ridurre i costi commerciali dei bus a idrogeno sotto i 625mila euro. Il target finale è quello di mettere su strada 300 mezzi a fuel cell in 22 città europee entro il 2021, fornendo così una solida base per l’ulteriore sviluppo di questo settore. E di pari passo, costruire anche le stazioni di rifornimento.

 

Seguito naturale del progetto CHIC (che ha portato a Bolzano i primi 5 autobus a idrogeno), JIVE e JIVE 2 hanno ricevuto un totale di 57 milioni di euro come finanziamento dall’Unione Europea. Ballard Power Systems, produttore canadese di celle a combustibile, rifornirà i veicoli tedeschi e britannici: a Colonia verranno aggiunti altri 30 nuovi bus alla flotta a idrogeno già esistente, mentre a Wuppertal verranno assegnati i primi 10 mezzi a fuel cell. Altri 12 autobus andranno alla scozzese Dundee come parte del progetto cittadino di creare un parco energetico integrato con veicoli idrogeno, mezzi pubblici e infrastrutture di rifornimento.

Aberdeen, invece, può già contare su una delle flotte municipali più avanzate nel Regno Unito sul fronte dell’alimentazione a H2: attualmente possiede 10 bus, 14 auto, quattro furgoni e una spazzatrice per la pulizia delle strade, a cui si aggiungeranno ora altri 10 mezzi pesanti.

 

“Si tratta del più grande ordine in assoluto di autobus a celle a combustibile in Europa e rappresenterà la prima implementazione nell’ambito del programma JIVE”, spiega Rob Campbell, Chief Commercial Officer di Ballard a gasworld. “Gli autobus di transito sono un eccellente esempio di forte adattabilità alla tecnologia delle celle a combustibile, che è in grado di soddisfare i requisiti fondamentali di lunga distanza, rifornimento rapido, carico pesante e flessibilità dell’intero itinerario”.

 

>>Leggi anche L’idrogeno prodotto dalle rinnovabili sarà più economico del gas<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *