• Articolo Las Vegas, 8 gennaio 2016
  • Ma restano da superare grossi ostacoli normativi

    Al CES il primo drone elettrico che trasporta persone

  • EHang 184 sarà il primo drone elettrico in commercio a portare passeggeri. Porta un carico di 100 kg per 20 minuti a 100 km/h, e si ricarica in 2 ore

Al CES il primo drone elettrico che trasporta persone 3

 

(Rinnovabili.it) – Al Consumer Electronic Show di Las Vegas è tempo di record. Nella cornice della più importante fiera dell’elettronica del mondo ha debuttato EHang 184, il primo drone elettrico capace di trasportare una persona. Somiglia a un elicottero, ma di eliche ne ha quattro, parallele al terreno.

Un passeggero fino a 100 chili può viaggiare a 100 all’ora su EHang 184 per 23 minuti a 3-400 metri d’altezza (ma può salire fino 3.500 metri), con l’aria condizionata. Tutto ciò che deve fare è programmare un piano di volo: da quel momento, il velivolo risponde a due soli comandi – “decolla” e “atterra” – che l’utente impartisce tramite un tablet. Il quadcottero si ricarica completamente in 2 ore.

Non è possibile al momento dirigere la rotta dall’interno. In caso di emergenza, un centro di controllo remoto interviene per far atterrare il drone elettrico, ha spiegato Shang Hsiao, CFO e cofondatore di EHang. Tuttavia, questo sistema non esiste ancora.

 

 

Durante il 2015, prima di arrivare al Consumer Electronic Show, sono stati condotti oltre 100 test. Il drone ha volato a bassa quota, in una zona boschiva vicino a Guangzhou, la più grande città costiera della Cina. Molti di quei viaggi sono stati realizzati con un passeggero a bordo (piuttosto nervoso, a dire il vero).

Secondo il marketing officer di EHang, Derrick Xiong, questo velivolo può rappresentare un passo avanti in termini di sicurezza: è convinto che i quadcotteri, grazie al numero di eliche, siano più affidabili degli elicotteri. Anche in caso di guasti a tre dei quattro bracci su cui sono montate, spiega, è possibile atterrare sani e salvi.

Il drone elettrico EHang 184 dovrebbe essere sul mercato entro il 2016 – sostengono i suoi creatori – al prezzo di 2-300 mila dollari. Sempre che riesca a trovare un mercato. Negli Stati Uniti, ad esempio, è un momento difficile per i droni, che per circolare al servizio di Amazon o Fedex hanno bisogno di regolamenti specifici. L’aggiunta di un passeggero umano complicherebbe notevolmente le cose. Ma i cinesi ci credono: finora dicono di aver raccolto 52 milioni di dollari dagli investitori.

 

Guarda la Gallery

2 Commenti

  1. EMILIO
    Posted gennaio 13, 2016 at 11:03 pm

    eccezionale

  2. fabio
    Posted gennaio 16, 2016 at 3:10 pm

    Se avessi i soldi lo coprerei subito, fantastico….

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *