• Articolo Lione, 19 marzo 2012
  • Un progetto finanziato dalla Banca europea per gli Investimenti

    Dalla BEI la seconda tranche di aiuti per Grand Lyon

  • Dalla firma di un accordo, lo stanziamento di 150 milioni di euro concessi dalla BEI a favore di progetti di ristrutturazione urbana e riduzione dello smog

(Rinnovabili.it) – Grazie al nuovo finanziamento stanziato dalla BEI prende sempre più forma il progetto che prevede il rinnovamento urbano di Grand Lyon.

Facendo seguito all’impegno firmato lo scorso anno per un valore di 100 milioni, Gerard Collomb, Presidente della Grand Lyon e Philippe de Fontaine Vive, vicepresidente della Banca europea per gli investimenti (BEI) hanno firmato stamane la seconda tranche dell’iniziativa, per un valore di 150 milioni di euro, che avvicina la città al completamento di un impegno che però si concluderà solo nel 2013, con un ultimo fondo da 50 milioni, per un totale di 300 milioni.

Gli interventi interesseranno progetti per la costruzione di infrastrutture di trasporto urbano che comprendono anche piste ciclabili e pedonali nel territorio ottenedo così 30 nuove Zone, oltre al rifacimento di alcuni ponti e arterie principali.

Oltre a migliorare la viabilità e la sicurezza stradale, i finanziamenti puntano anche a ridurre la congestione del traffico e l’inquinamento derivante, mettendo in sicurezza il patrimonio naturale.

Gérard Collomb, Presidente della Grand Lyon, ha tenuto a sottolineare che “l’impegno della BEI ha fornito la possibilità di continuare ancora lo sviluppo economico del territorio, che si esprime attraverso la realizzazione di grandi progetti, volti sia per migliorare la qualità della vita per i residenti sia a rafforzare la competitività del nostro territorio” ha commentato.