• Articolo Roma, 28 febbraio 2018
  • Diesel addio, una strategia per rinunciare alla mobilità inquinante

  • L’Italia è il paese europeo in cui si vendono più auto diesel ma il settore mostra i primi segni d’affanno. Le proposte di Legambiente per abbandonare la mobilità inquinante

diesel addio

(Foto di REUTERS/Michael Dalder)

 

“Diesel addio”, l’evoluzione del mercato auto e gli impegni nazionali

(Rinnovabili.it) – È arrivato il momento di dire addio al diesel? Gli ambientalisti sperano di sì, ma la maggior parte dei governi sembra procrastinare. Il settore è sicuramente in affanno: nel 2017 le vendite europee di auto alimentate a gasolio sono crollate dell’8%, raggiungendo punte anche superiori al 20% nelle economie nazionali. In cerca di riparo, quasi tutti i produttori stanno dirottando gli investimenti classici su modelli più verdi e low emission. Una scelta che ha poco a che fare con l’ambiente e molto con le logiche di mercato.

Dallo scoppio del Dieselgate a oggi, infatti, un numero sempre maggiore di case automobilistiche si è lanciata in annunci di conversioni ecologiche, aprendo le porte alla mobilità elettrica. Il più recente addio al diesel è quello pronunciato da FCA che, secondo quanto rivelato da Financial Times ma non ancora confermato dall’azienda, vorrebbe abbandonare i motori a gasolio dal 2022 (Leggi anche Gli USA fanno causa a FCA per le emissioni diesel).

 

Sulla scelta dell’automotive pesano, in parte, i nuovi standard europei sulle emissioni, studiati proprio in seguito ai dati falsati da Volkswagen e altri produttori, e che aumenteranno il costo dello sviluppo delle vetture con motori a combustione (si parla di un più 20%); costo che inevitabilmente si rifletterà sui prezzi di listino.

E poi c’è l’Asia, o meglio la Cina e in parte il Giappone e l’India, i cui programmi di mobilità elettrica possono fare il buono e il cattivo tempo nel resto del mondo.

Ma una delle ultime bastonate al settore l’ha affibbiata ieri un tribunale tedesco stabilendo che, in Germania, le amministrazioni locali possano mettere al bando le auto diesel nonostante l’opposizione dei Land. Un colpo non da poco per un Paese che è il quarto al mondo per produzione di autoveicoli.

 

Ben inteso, il comparto per ora sta solo scricchiolando: attualmente la tecnologia è ancora la più competitiva sul fronte dei consumi e gli scandali emissioni, che si sono susseguiti, hanno scalfito appena la superficie dell’industria auto. Il futuro, tuttavia, appare poco roseo. Secondo Bloomberg, in Europa le vendite dovrebbe passare dall’attuale 50% sul totale ad appena il 30% entro il 2020. A livello mondiale, la quota di mercato del gasolio dovrebbe ridursi al 4% entro il 2025 dal 13,5% di oggi.

 

In questo panorama “in declino”, la maggior parte dei Governi tentenna. Sono davvero in pochi ad aver messo una data di scadenza alle auto tradizionali. Francia, Gran Bretagna, Norvegia e Olanda si sono dati un tempo massimo; la Cina ci sta riflettendo su.

 

L’Italia tace, se si esclude l’impegno di città come Milano e Roma (leggi anche Raggi: Stop alle auto diesel in centro a Roma dal 2024), nonostante sia il Paese europeo in cui si vendono più auto diesel e si trovi attualmente in procedura di infrazione per l’inquinamento atmosferico. A mancare, spiega Legambiente è una linea d’azione che liberi le città dai veicoli e smog. Per questo motivo Stefano Ciafani, Direttore generale dell’associazione torna oggi a ribadire l’urgenza di definire a livello nazionale un piano strategico per uscire dal diesel in tutte le aree urbane italiane. Legambiente propone di estendere la messa al bando, tra il 2020 e il 2025, dei veicoli più inquinanti dalle metropoli italiane con più di 50mila abitanti e di applicare le misure stagionali previste dal Protocollo della Pianura Padana a tutto lo stivale. L’associazione ambientalista propone, inoltre, di limitare l’accesso nelle aree urbane in maniera stringente e costante ai veicoli più inquinanti, spingendosi, come fatto dal comune di Torino e Milano, al blocco dei mezzi euro 5 diesel e a Roma, dove si è arrivati recentemente a bloccare anche le Euro 6.

2 Commenti

  1. Alberto Lodi
    Posted marzo 1, 2018 at 8:53 pm

    La “fretta” di un bando dei Diesel ha senso sui modelli più datati, fino agli Euro 3 compresi. Decisioni che toccano pesantemente l’economia familiare di molti milioni di italiani vanno prese con equilibrio. Che senso ha mettere al bando Euro 5 legali come vendita muove fino a pochi anni fa e addirittura Euro 6, legali come vendita oggi? Si tratterebbe ancora una volta di fare dell’Italia la patria dell’incertezza del diritto. Le scelte di programmazione vanno fatte con lungimiranza ma con tempi di realizzazione adeguati. . Chi acquista un’auto legale oggi deve poterla utilizzare per l’orizzonte temporale del ciclo di vita del bene acquistato (accelerare l’obsolescenza porrebhe un grosso problema di sostenibilità di risorse). Facile prendere decisioni sulla pelle e il portafoglio degli altri.

  2. Luciano Broggi
    Posted marzo 2, 2018 at 2:38 pm

    Perfettamente d’accordo! Ho un diesel di casa tedesca che spero duri ancora molti anni, Euro4 fp. Per me è stato un investimento ragionato, sarebbe una botta doverlo sostituire anticipatamente.
    Inoltre, quando la cura dell’ambiente diventa moda e ideologia e non è più scientifica si commettono errori (vedasi diventiamo tutti elettrici).
    Luciano

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *