• Articolo Roma, 27 marzo 2013
  • Scaroni: “Cominceremo con poche colonnine ma le faremo crescere”

    Eni ed Enel allargano i confini della mobilità elettrica

  • La lettera d’intenti è stata firmata oggi dai due ad, Paolo Scaroni e Fulvio Conti, e prevede una collaborazione a 360 gradi

Eni ed Enel allargano i confini della mobilità elettrica

 

(Rinnovabili.it) – La storica intesa tra Eni ed Enel sulla mobilità elettrica è finalmente firmata. Paolo Scaroni e Fulvio Conti, i due rispettivi a.d., hanno siglato stamane a Roma una lettera d’intenti che dà il via al preannunciato piano di collaborazione in tema di e-mobility. Tecnologia, logistica, mercato e strategia: l’intesa racchiude tutti i punti focali per avviare un progetto di successo che incontri l’esigenza degli utenti e le nuove sfide dettate dal mercato. L’iniziativa prevede, attraverso un programma sperimentale  di selezionare la soluzione tecnologica migliore e quindi di attivare, entro la fine del 2013, diverse colonnine del tipo “a ricarica veloce o “fast recharge” (tecnologia Enel) nelle stazioni di servizio e in alcuni siti di Eni. Pochi punti inizialmente ma collocati in aree strategiche per la valutazione, come la sede direzionale di San Donato Milanese e la sede della Divisione Refining & Marketing in via Laurentina, a Roma. “Cominceremo con poche colonnine, una decina, ma le faremo crescere, dal momento che l’Italia si è impegnata con l’Europa a sistemarne 125mila”, ha spiegato Scaroni all’Ansa. Gli fa eco Conti: “Ovviamente dobbiamo spingere ancora di più con i produttori di vetture perché il costo dell’auto elettrica sia più alla portata di tutti”.

 

La collaborazione Eni – Enel allargherà i confini della mobilità elettrica urbana

 

I charger point a ricarica veloce , in corrente continua e in corrente alternata, sono in grado di garantire in 20-30 minuti un rifornimento elettrico in tempi compatibili con una normale sosta “caffè” presso le stazioni di servizio e soprattutto permetterà agli automobilisti eco-friendly di utilizzare la propria auto elettrica anche fuori dal circuito urbano. La sperimentazione – spiega Eni in una nota stampa – consentirà anche lo studio di soluzioni integrate per  ricaricare le e-car sia attraverso la rete Enel, sia in stazioni di ricarica veloce in aree pubbliche e permetterà nell’ambito delle Eni station dotate di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili di valutare possibili applicazioni della tecnologia delle smart grid di Enel.

 

Guarda il video Eni-Enel:intesa sulla mobilità elettrica