• Articolo Evendale, 13 marzo 2012
  • Un progetto del settore aviazione della General Electric

    GE: “autostrade dei cieli” per volare green

  • Grazie a mappe satellitari la GE sarà in grado di simulare autostrade virtuali che permetteranno di ottimizzate i tempi di volo e i consumi di carburante ottenendo la riduzione del rumore e dei consumi

(Rinnovabili.it) – Saranno le “autostrade dei cieli” ad aiutare l’aviazione mondiale a ridurre il proprio impatto ambientale? Nonostante le importanti evoluzioni del settore e le moderne tecnologie quando un aeroplano si alza in volo a guidare il pilota nella giusta direzione è un sistema progettato e realizzato circa cinquant’anni fa. In questo modo il controllore e il pilota condividono ogni momento delle informazioni che non sono mai complete al 100%. Il risultato di questo sistema si traduce  in ritardi e in consumi eccessivi di carburante.

A tal proposito il National Center for Excellence for Aviation Operations Research ha stimato che il costo totale dei ritardi nel trasporto aereo nel 2007 ha raggiunto il valore di 32.9 miliardi di dollari; per questo la General Electric ha pensato di realizzare autostrade virtuali digitali che permetteranno di volare attraverso lunghi percorsi ben definiti con la massima efficienza senza affidarsi a strumenti terrestri di navigazione radio. In questo modo sarà possibile, ha confermato la società, risparmiare carburante, ridurre i tempi di volo, limitare le emissioni inquinanti e far scendere i livelli di rumore prodotto dagli aeromobili. Ma per realizzare un sistema di rotte così complesso la GE ha la necessità di acquisire immagini satellitari precise che le verranno fornite grazie all’accordo con la GeoEye, in grado di elaborare anche immagini 3D di centinaia di aeroporti. “Non c’è bisogno di avere un carro e un cavallo per attraversare il mondo quando si hanno a disposizione altri mezzi” ha dichiarato Giovanni Spitale general manager dei progetti RNP di GE Aviation “si potranno disegnare delle autostrade nel cielo” ha specificato annunciando che presto si arriverà ad un risparmio annuo di 12,9 milioni di galloni di carburante, 747 in termini di giorni di viaggio e 65,6 milioni di dollari in costi operativi.