• Articolo Roma, 21 giugno 2012
  • Il veicolo “made in Italy” ha un’autonomia a piena carica di 140 chilometri

    Il Vaticano accoglie l’auto elettrica

  • La Santa Sede ha organizzato ieri la cerimonia di consegna della prima city car NWG Zero al Papa Benedetto XVI, a disposizione della Sala Stampa vaticana

(Rinnovabili.it) – Con un messaggio simbolico rivolto a favore della mobilità sostenibile, il Vaticano ha organizzato ieri la cerimonia di consegna della prima city car elettrica NWG Zero, donata dall’azienda pratese NWG alla Santa Sede tramite l’A.P.S.A. (Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica). In particolare, la nuova e-car a due posti, di colore rigorosamente bianco, è stata regalata al Papa Benedetto XVI, che l’ha poi messa a disposizione, della Sala Stampa vaticana. Completamente made in Italy, il veicolo ha inoltre un’autonomia a piena carica di 140 chilometri grazie anche ad un’efficiente alimentazione al “100% elettrica”, che riduce drasticamente ogni impatto sull’ambiente.

Per l’amministratore delegato della NWG, Massimo Casullo – presente alla cerimonia di consegna e alla “benedizione” del veicolo – “la particolare sensibilità che Benedetto XVI mostra a riguardo della difesa e salvaguardia dell’ambiente costituisce, per noi che lavoriamo nel settore della green economy, un motivo di grande incoraggiamento e fonte di ispirazione”. Nel frattempo però, nonostante dal gennaio 2012 l’azienda pratese abbia già ricevuto oltre 500 richieste di esemplari “NWG Zero”, la situazione generale legata al contesto “e-cars” in Italia appare ancora lontana dall’essere incoraggiante: i recenti dati dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) non menzionano minimamente il nostro Paese nel rapporto sui paesi che adottano politiche virtuose per la diffusione e il sostegno alla mobilità sostenibile.