• Articolo Roma, 9 febbraio 2016
  • Incentivi regionali auto ibride, ecco tutte le agevolazioni

  • A gennaio vendite record per le vetture ecologiche a doppia alimentazione. Merito anche degli incentivi regionali auto ibride, specie sulla tassa di proprietà

Incentivi regionali auto ibride, ecco tutte le agevolazioni

 

(Rinnovabili.it) – Il 2016 si apre in modo eccezionalmente positivo per le auto ibride, che a gennaio hanno fatto registrare vendite record. Nonostante scetticismo e diffidenza, le vendite di vetture a doppia alimentazione sono state protagoniste di una lenta, certo, ma costante crescita negli ultimi anni. In particolare, secondo i dati diffusi da Toyota, lo scorso gennaio il 2,1% di tutte le macchine vendute era costituito da ibride di tipo termico-elettrico, con un notevole incremento rispetto all’1,6% complessivo registrato durante tutto il 2015.

 

Diverse le ragioni del successo delle auto ibride, dal vantaggio di poter circolare liberamente nelle zone e traffico limitato e in presenza di blocchi del traffico ai benefici economici a lungo termine. Con un’auto ibrida non solo si risparmia sul carburante, ma si ha diritto anche a importanti incentivi e agevolazioni a livello regionale. Ecco quali sono i principali incentivi regionali auto ibride previsti per il 2016.

 

Incentivi regionali auto ibride 2016

Sono diverse le regioni italiane che hanno deciso di andare incontro agli automobilisti che scelgono la mobilità sostenibile acquistando un’auto ibrida. In Campania e Puglia, ad esempio, sulle vetture a doppia alimentazione non è dovuta la tassa di proprietà per i primi 5 anni, mentre in Lazio, Lombardia, Umbria e Veneto non è dovuta per i primi 3 anni. In Emilia Romagna, invece, sono esentate dal pagamento della tassa di proprietà per i primi 3 anni le auto ibride di prima immatricolazione, ma solo quelle a benzina, non quelle alimentate a diesel. In molte Regioni, le auto ibride godono inoltre di particolari agevolazioni sul bollo auto, così come le vetture elettriche e quelle a gpl. Per quanto riguarda le ZTL, in diversi Comuni le auto ibride entrano liberamente, senza dover pagare nulla, in altri è previsto un pedaggio ridotto. Per conoscere i dettagli è consigliabile consultare le singole ordinanze comunali in materia.

 

Auto ibride, tutti i vantaggi

Diverse quindi le ragioni economiche del successo delle auto ibride, tra cui non vanno dimenticate anche quelle ambientali. Scegliere di promuovere una mobilità più sostenibile permette di tagliare drasticamente le emissioni di CO2, riducendo l’impatto negativo delle proprie attività quotidiane sulla qualità dell’ambiente in cui viviamo.  Anche dal punto di vista acustico le ibride presentano il vantaggio di avere un secondo motore elettrico silenzioso, oltre che a emissioni zero.

 

La presenza del doppio motore, poi, è una garanzia per quegli automobilisti dall’anima green ma non ancora pronti per una vettura completamente elettrica per via della cosiddetta ansia da autonomia. Il motore elettrico lavora infatti in perfetta sinergia con quello termico, garantendo continuità di guida e prestazioni sempre di alto livello. Inoltre, nel momento in cui la batteria elettrica si sta per scaricare, l’altro motore entra in gioco per sostituirlo permettendo di continuare tranquillamente il viaggio, ricaricando allo stesso tempo la batteria.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *