• Articolo Roma, 16 aprile 2014
  • Energia chimica disponibile on deman

    Metano dalla CO2, l’Enea mette in funzione Fenice

  • Avviato il primo impianto sperimentale italiano per la conversione della anidride carbonica in combustibile presso il Centro Ricerche Casaccia

Metano dalla CO2, l’Enea mette in funzione Fenice(Rinnovabili.it) – Ottenere metano dalla CO2 sarà da oggi il compito di Fenice, il primo impianto italiano per la conversione dell’anidride carbonica in carburante. La struttura è entrata in funzione oggi presso il Centro Ricerche Casaccia dell’Enea con il compito di dimostrare la fattibilità tecnica, per ora ancora solo su scala di laboratorio, della tecnologia di sintesi di fuel a partire dalla CO2 industriale.

La conversione del biossido di carbonio è una tecnologia che aggiunge valore ai  costosi processi di cattura, ma che tuttavia richiede la somministrazioni di idrogeno, che a sua volta necessita di energia per essere prodotto. Se tuttavia quest’energia deriva da una fonte rinnovabile, il processo di conversione può davvero rappresentare un utile metodo per immagazzinare energia rinnovabile sotto forma  di energia chimica disponibile on demand.

 

Ed è proprio questo il lavoro che sta conducendo Fenice; l’impianto, lavorando ad alte pressioni e a temperature di circa 200 °C, rivitalizza il carbonio presente nella CO2 attraverso la sua riduzione con idrogeno, ottenuto dall’elettrolisi dell’acqua: dalla reazione si ottiene metano ed acqua. L’elettrolizzatore può essere alimentato da pannelli fotovoltaici o i generatori eolici. Già oggi grazie a Fenice è possibile produrre 250 NL/h di metano, ma le sue potenzialità sono molto superiori. Inoltre, nello stesso impianto, utilizzando opportuni catalizzatori, si può produrre anche metanolo e dimetil-etere (DME). Questi ultimi sono considerati combustibili alternativi per autoveicoli dalle ottime qualità e dal basso impatto ambientale.