• Articolo Roma, 4 luglio 2013
  • Appuntamento di Rinnovabili.it con la trasmissione Rai UnoMattina

    UnoMattina: il futuro è nella mobilità elettrica

  • Si è parlato di mobilità elettrica durante l’appuntamento con UnoMattina: dalle biciclette a pedalata assistita al car-sharing, le numerose potenzialità del settore che potrebbe cambiare il futuro.

UnoMattina: mobilità elettrica(Rinnovabili.it) – Tra crisi e continui rincari del prezzo del carburante le possibilità offerte dalla mobilità elettrica in termini di risparmio ambientale ed economico, sembrano assumere sempre maggiore importanza sul mercato internazionale.

 

Se ne è parlato questa mattina in occasione dell’appuntamento di Rinnovabili.it con la trasmissione Rai UnoMattina, affrontando il tema della mobilità elettrica in tutte le sue sfaccettature. Dalle biciclette elettriche alle auto ibride, l’interesse del pubblico a favore dei mezzi alternativi ha registrato un picco nell’ultimo anno, fornendo un’alternativa sostenibile ai mezzi tradizionali.

Il futuro è elettrico, ma il problema è infrastrutturale”, afferma Mauro Spagnolo, direttore di Rinnovabili.it ed ospite della trasmissione Rai UnoMattina, sottolineando l’assoluta inadeguatezza delle postazioni per la ricarica dei veicoli elettrici oggi a disposizione sul territorio nazionale, ancora molto arretrato rispetto ai Paesi del Nord Europa.

 

I vantaggi della mobilità elettrica

 

UnoMattina, i vantaggi della mobilitùà elettricaI vantaggi della mobilità elettrica sono molteplici”, spiega Paolo Lanzoni responsabile della comunicazione di una nota azienda del settore ai microfoni della Rai, mettendo in evidenza come le auto elettriche ed ibride facciano bene all’ambiente ed alle tasche dei cittadini.

Con poco meno di 2 euro è possibile fare il pieno ad un’auto elettrica garantendo un’autonomia di 130-150 km di percorrenza, perfetta per gli spostamenti cittadini. Inoltre i possessori delle auto elettriche non pagano il bollo auto, possono entrare liberamente nelle ZTL e sono esenti dal pagamento dei parcheggi nelle “strisce blu”.

Basti pensare che per una city car convenzionale a diesel o a benzina, 10€ di rifornimento sono appena sufficienti a percorrere un massimo di 200 km, mentre per la stessa cifra, una city car elettrica arriva fino ad 800 km.

 

 

La soluzione è nel car sharing

 

UnoMattina: il fututuro nella mobilità elettricaIl problema per il momento rimane ancora il prezzo d’acquisto elevato anche superiore ai 22.000€, purtroppo scarsamente incentivato a livello statale.

La soluzione per le città è sicuramente rappresentata dal car-sharing, ben avviato in moltissimi Paesi europei, ma ancora poco conosciuto a livello nazionale.

Tuttavia esistono comunque piccole eccellenze italiane, per il momento prevalentemente limitate all’iniziativa privata, come il progetto avviato da pochi mesi a Napoli che ha messo in circolazione una flotta tutta elettrica di auto a noleggio.

 

A parlarne in trasmissione è Valerio Siniscalco, responsabile del progetto, “con questo servizio è possibile arrivare a risparmiare fino a 3.000 € l’anno rispetto ad un mezzo tradizionale”, afferma Siniscalco sottolineando come in ambito cittadino le potenzialità del car-sharing siano illimitate.