• Articolo Grosseto, 3 giugno 2013
  • Da una collaborazione tra la società Rama Spa e due aziende cinesi

    A Grosseto si viaggia a bordo di autobus elettrici

  • Il primo bus elettrico d’Europa è entrato in servizio nel capoluogo maremmano, garantendo prestazioni equivalenti a quelle del comune trasporto pubblico urbano, grazie ad un’autonomia di 200 km ed una velocità di 80 km/h

A Grosseto si viaggia a bordo di autobus elettrici(Rinnovabili.it) – Grosseto compie i primi passi per diventare una Smart City….a bordo di un autobus elettrico! Da venerdì 24 maggio i cittadini del capoluogo maremmano possono usufruire di un nuovo servizio di trasporto pubblico ad impatto zero: RAMA E-life è infatti il primo bus a trazione elettrica d’Europa, nato dalla collaborazione tra due aziende cinesi e la società pubblica Rama Spa.

In servizio sulla linea urbana n°1 di Grosseto, il veicolo intende promuovere il concetto di mobilità sostenibile, “l’unico in grado di diminuire gli impatti ambientali, sociali ed economici generati dai veicoli privati”, si legge nel sito dell’azienda.

Le prestazioni di E-life consentono di garantire la percorrenza media giornaliera di un comune autobus urbano, superando i classici limiti di performance, durata e costi che da sempre impediscono un utilizzo diffuso del trasporto pubblico elettrico. Con un’autonomia di circa 200 km e una velocità massima di oltre 80 km/h, il bus lungo 12 metri può contare su una capienza massima di 64 persone, con 28 posti a sedere.

 

La crisi aumenta l’importanza del trasporto pubblico locale: siamo di fronte ad una inversione di tendenza con milioni di italiani che lasciano l’auto in garage e utilizzano il mezzo pubblico chiedendo giustamente mezzi e servizi più efficienti e moderni”, ha affermato il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Erasmo D’Angelis, come riportato da Ansa. “L’inaugurazione di questo autobus indica la strada da percorrere dell’investimento su nuovi mezzi, efficienti, ad alta sostenibilità ambientale e che garantiscano elevati standard in linea con le richieste delle nostre citta”.