• Articolo Bruxelles, 18 luglio 2019
  • Automobili: i modelli elettrici triplicheranno in Europa entro il 2021

  • La maggior parte dei produttori auto è pronta ad abbracciare l’elettrificazione, spiega T&E, ma i governi devono garantire che i giusti incentivi fiscali ai cittadini e una vasta infrastruttura di ricarica

modelli elettrici

 

I dati delle case automobilistiche sui nuovi modelli elettrici

(Rinnovabili.it) – Il numero di modelli elettrici nel mercato auto europeo è pronto al grande salto. Dopo diversi anni di crescita contenuta, il settore triplicherà l’offerta. A rivelarlo è la nuova analisi di Transport & Environment (T & E) che, a partire dai dati IHS Markit, ha indagato i programmi a breve termine dell’automotive europea. Si scopre così che le case automobilistiche nel Vecchio Continente entro il 2021 porteranno sul mercato 214 modelli elettrici, di cui 92 full electric, 118 ibridi plug-in e 4 a fuel cell a idrogeno. Un vero e proprio salto di qualità rispetto all’attuale offerta sul mercato, che ne conta complessivamente solo 60.

 

Alla base di questo incremento esponenziale c’è soprattutto la nuova normativa europea sulle emissioni dei trasporti personali che entrerà in vigore, non a caso, nel 2021 (leggi anche Emissioni auto: Parlamento europeo approva taglio del 37,5% entro il 2030). Spostando ulteriormente la linea previsionale, i dati continuano a essere positivi: l’analisi stima che entro il 2025 saranno 333 i modelli elettrici presenti sul mercato europeo.

 

 

“Grazie ai nuovi standard UE per la CO2 delle auto, l’Europa sta per assistere a un’ondata di nuove, più autonome ed economiche auto elettriche più economiche – ha commentato Lucien Mathieu, analista di T&E – Si tratta di una buona notizia, ma il lavoro non è ancora finito. Abbiamo bisogno che i governi aiutino a implementare la ricarica domestica e sul luogo di lavoro, e  di modifiche alla tassazione dei veicoli per rendere i mezzi completamente elettrici ancora più attraenti di diesel, benzina e ibride”.

 

Le previsioni di produzione mostrano che la produzione di e-car sta costantemente sostituendo quella di motori diesel in tutta Europa, con i maggiori centri di produzione destinati all’Europa occidentale: Germania, Francia, Spagna e Italia.

 

 

Ma a contribuire in maniera significativa saranno anche Repubblica Ceca, Ungheria e  Slovacchia, quest’ultima con il maggior numero di veicoli elettrici pro capite prodotti entro il 2025. In termini di unità fabbricate, entro il 2025 l’Europa dovrebbe contare  più di 4 milioni di mezzi elettrici leggeri tra automobili e furgoni. La modellizzazione T&E mostra che se le case automobilistiche si dovessero attenere ai propri piani, il risultato più che sufficiente per soddisfare gli standard di CO2 voluti da Bruxelles. “È un momento cruciale per l’industria automobilistica europea. Le case stanno investendo 145 miliardi di euro in elettrificazione, e la produzione di batterie sta finalmente arrivando in Europa – conclude Mathieu – Dobbiamo inviare un chiaro segnale all’industria, ossia che non è possibile tornare indietro […] L’età del motore a combustione sta volgendo al termine”.

 

>>leggi anche Mercato auto elettriche 2019, oltre 5mln di unità in circolazione<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *