• Articolo , 26 giugno 2019
  • Nissan presenta il primo furgoncino dei gelati a zero emissioni

  • Il prototipo si basa su un minivan 100% elettrico commercializzato dalla casa nipponica a cui è stato aggiunto il Nssan Energy ROAM, un generatore ausiliario costituito di celle agli ioni di litio recuperate da e-car di prima generazione.

furgoncino dei gelati nissanIl furgoncino dei gelati è stato presentato in occasione del Clean Air Day nel Regno Unito, lo scorso 20 giugno

 

(Rinnovabili.it) – Il piacere di un gelato senza rinunciare alla salvaguardia dell’ambiente: Nissan ha presentato il primo concept di furgoncino di gelati completamente elettrico e a zero emissioni, alimentato dall’energia solare e da una batteria rigenerata.

In occasione del Clean Air Day nel Regno Unito, lo scorso 20 giugno, la casa automobilistica giapponese ha mostrato un prototipo di minivan per i gelati sviluppato sulla base dell’e-NV200, un veicolo commerciale leggero in vendita dalla fine dello scorso anno.

 

Il concept di furgoncino per i gelati monta una batteria da 40kWh, mentre tutte le attrezzature interne, dalla macchina del gelato alla spina fino al freezer e ai frigoriferi sono collegati al Nissan Energy ROAM, una speciale unità portatile realizzata grazie alla rigenerazione di vecchie batterie al litio.

 

furgoncino dei gelati nissan

 

Il pacchetto ROAM è stato presentato a inizio anno come generatore alternativo per fornire elettricità pulita a camperisti e viaggiatori on the road: si tratta di una piccola scatola portabile che racchiude le celle agli ioni di litio recuperate dalle e-car Nissan di prima generazione. Il ROAM può immagazzinare fino a 700Wh di elettricità e offre 1kW per alimentare piccoli elettrodomestici e devices. Può essere ricaricato in appena 1 ora con una normale presa di corrente, mentre nel prototipo di furgoncino di gelati della Nissan è stato collegato direttamente ai pannelli solari installati sul tetto del minivan.

 

 >>Leggi anche Lightyear One, l’auto elettrica solare con un’autonomia di 725 km<<

 

Per garantire la sostenibilità a 360° del progetto, Nissan ha anche avviato una collaborazione con l’azienda scozzese di gelati Mackie’s che utilizza solo fonti rinnovabili per alimentare la propria produzione di dolci.

 

“Il gelato è un alimento apprezzato in tutto il mondo, ma i consumatori sono sempre più attenti all’impatto ambientale della sua produzione e del suo trasporto fino alla destinazione finale – ha commentato il responsabile Nissan, Kalyana Sivagnanam – Questo progetto è una dimostrazione della strategia Nissan Intelligent Mobility, che impiega oltre un decennio di esperienza nel settore dei veicoli elettrici e di avanzamenti nella tecnologia delle batterie per creare soluzioni di mobilità più sostenibili anche in viaggio, anche in modalità che i clienti non si aspettano. Eliminando le emissioni e aumentando l’utilizzo di energia rinnovabile, aiutiamo a rendere questo mondo un posto migliore per tutti”.

 

 

>>Leggi anche Storage: Le vecchie batterie Nissan illumineranno lo stadio di Amsterdam<<

Un Commento

  1. Matteo
    Posted giugno 28, 2019 at 1:37 pm

    Si ma questi “sforzi verdi” delle aziende dimostrano quanto l’interesse non sia nella lotta al cambiamento climatico, lotta che dovrebbe partire dagli stati, ma solo investimenti per aumentare i profitti, il che è logico trattandosi di aziende e non di stati, ma sbagliato, perché di fronte a un’emergenza i profitti dovrebbero andare in secondo piano: perché il furgoncino è nuovo? Convertire un vecchio furgoncino è ecologico, produrne uno nuovo e rottamarne un altro no. Le conversioni sono facili e ecologiche, perché nessuno le incentiva?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *