• Articolo Manassas, 15 novembre 2018
  • Boeing lancia Odysseus, l’aereo solare per lo studio del clima

  • Il velivolo spiccherà il volo nel 2019 e monitorerà i cambiamenti nel ghiaccio e nella vegetazione terrestre

Odysseus

 

Battesimo mediatico per l’aereo solare autonomo Odysseus

(Rinnovabili.it9) – In principio era Solar Impulse, il primo aereo solare monoposto, detentore del record del giro del mondo senza una goccia di carburante. Da 2003 – anno di avvio del progetto firmato Bertrand Piccard – a oggi la propulsione elettrica si è fatta strada nel settore dell’aviazione attraverso una circoscritta lista di iniziative, più o meno futuribili. Una di queste è il progetto Odysseus, inaugurato ufficialmente ieri, negli USA, da Aurora Flight Sciences, società Boeing.

Odysseus è, secondo la compagnia, “il velivolo autonomo più potente al mondo alimentato ad energia solare”. Resistente e leggero al tempo stesso, l’aereo fotovoltaico di Aurora è stato progettato affinché possa dare una mano alla scienza nella raccolta dei dati sul clima, al pari di ciò che fanno oggi i satelliti spaziali ma a un costo notevolmente inferiore.

 

>>Leggi anche In Cornovaglia si testano i satelliti alla ricerca del litio<<

 

L’idea di creare un mezzo in rottura con le tradizionali tecnologie d’alimentazione, trae ispirazione da Daedalus, il velivolo ultraleggero a propulsione umana, sviluppato alla fine degli anni ’80 dal Massachusetts Institute of Technology e dalla NASA. Il progetto era stato allora organizzato e guidato dal presidente e CEO di Aurora, John Langford che oggi spiega così l’iniziativa “Odysseus rappresenta una soluzione per far avanzare la ricerca sui cambiamenti climatici e su altri problemi di chimica atmosferica”, offrendo “una durata che nessun altro aereo solare di questo tipo possiede”.

 

 

Il primo volo è in programma per l’inizio del 2019: l’aeromobile potrà misurare elementi come l’estensione della vegetazione, i cambiamenti nella copertura dei ghiacci e persino l’umidità presente nel terreno, raccogliendo in maniera autonoma i dati in una posizione specifica.

La compagnia è convinta che il monitoraggio delle condizioni meteorologiche e delle tempeste durante l’alta stagione diventerà in questo modo più accessibile e preciso grazie alla capacità dell’aereo solare di monitorare e misurare il movimento di eventi meteorologici estremi, il tutto mentre è alimentato da energia pulita.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *