• Articolo Villasimius, 21 dicembre 2018
  • In Sardegna il primo progetto di pista ciclabile solare d’Italia

  • L’iniziativa, presentata nell’ambito del progetto STRATUS, prevede l’integrazione di pannelli solari nel manto della futura pista ciclabile del Comune di Villasimius

pista ciclabile solare

La pista ciclabile fotovoltaica realizzata in Olanda

 

 

 

Una pista cilabile solare per il turismo sostenibile sardo

(Rinnovabili.it) – La prima pista ciclabile solare d’Italia? Potrebbe sorgere nel sud della Sardegna e più precisamente nel Comune di Villasimius. L’idea nasce nell’ambito del progetto STRATUS lanciato quest’anno con l’obiettivo di rinforzare la competitività internazionale delle micro, piccole e medie imprese della filiera del turismo sostenibile (marino e balneare), in Sardegna, in Liguria e nella regione francese PACA (Provenza-Alpi-Costa Azzurra). Tra i partner del progetto anche l’Area Marina Protetta “Capo Carbonara” (di cui il comune sardo è l’ente gestore) che ha proposto all’amministrazione di Villasimius la realizzazione di percorsi di mobilità sostenibile legati alla promozione delle energie rinnovabili e basati sul coinvolgimento degli stakeholders locali.

 

Il primo passo in tal senso è stata la pubblicazione sul sito web comunale dell’avviso pubblico di manifestazione d’interesse “per la realizzazione di progetti innovativi di percorsi ciclabili e/o ciclo pedonali con impianto integrato di produzione di energia da fotovoltaico”. L’idea è di realizzare una pista ciclopedonale che integri direttamente nel manto pannelli solari. I moduli saranno sormontati da una lastra di vetro antiscivolo e inseriti in una struttura in acciaio sollevata e ancorata a terra.

 

>>leggi anche In Olanda una pista ciclabile a pannelli solari<<

 

“La realizzazione di una pista ciclabile fotovoltaica è funzionale alla copertura parziale del fabbisogno di energia elettrica di soggetti energivori con l’utilizzo di fonti rinnovabili – si legge nei documenti comunali – Si tratta di un intervento innovativo è una pista ciclopedonale rivestita di pannelli fotovoltaici in policristallino sormontati da una lastra di cristallo antiscivolo e perfettamente integrati in una struttura in acciaio sollevata e ancorata a terra (spessore medio 12 cm)”.

 

Sulla carta il progetto prevede almeno di 500 KWp installati per una lunghezza di 1 km e un’ampiezza di 2 metri. Per la pista è stata stimata una produzione annua di 600.000 kWh, che verrebbe ceduta ai soggetti energivori nelle prossimità del tracciato. “L’aspetto più interessante di questa iniziativa  – spiega all’Ansa Fabrizio Atzori, direttore AMP Capo Carbonara e responsabile del progetto – è il duplice vantaggio di pubblico e privato, perché se da un lato si ridurrà l’inquinamento promuovendo la mobilità sostenibile, dall’altro si ridurranno i costi energetici dei privati”. L’intervento include anche un sistema di monitoraggio per ottimizzare e controllare l’impianto, comunicando in tempo reale , necessario per ottimizzare e monitorare alla cittadinanza l’energia prodotta e quella consumata.

 

>>Leggi anche In Olanda la pista ciclabile di plastica riciclata<<

Un Commento

  1. Fernanda
    Posted dicembre 21, 2018 at 4:41 pm

    Anche il mio progetto micro eolico può costituire questa strada chiamami

Rispondi a Fernanda Cancel reply

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *