• Articolo Milano, 9 settembre 2012
  • Progetto “Car free” per 12 nuove scuole

  • Il 24 settembre parte la condivisione con genitori, insegnanti e presidi per accogliere suggerimenti sugli istituti proposti dai Consigli di Zona

Sono 12 le scuole proposte dai Consigli di Zona per essere inserite nel progetto ‘Car free’ che, dal 24 settembre al 5 ottobre, sarà presentato con incontri pubblici negli istituti interessati per accogliere i suggerimenti di genitori, insegnanti e presidi. Le scuole che aderiranno si aggiungeranno, a partire dal 22 ottobre, a via Casati, via Rasori e via Palermo, dove la sperimentazione era partita a maggio e che riprenderanno già il 17 settembre, e a via Reni, chiusa al traffico nel mese di agosto.

“Con ‘Car free’ le scuole diventano sempre di più un punto di riferimento del quartiere e delle famiglie. Queste isole di sicurezza, dove è garantita la mobilità dei più piccoli, saranno anche l’occasione per ricreare uno spazio di relazioni e socialità tra genitori al di fuori delle pareti scolastiche”, ha dichiarato Maria Grazia Guida, vicesindaco e assessore all’Educazione e Istruzione.

“Grazie al progetto ‘Car free’ i bambini sono protetti non solo dal passaggio delle auto all’entrata e all’uscita da scuola, ma anche dall’esposizione diretta alle emissioni inquinanti”, ha dichiarato l’assessore alla Mobilità, Ambiente, Arredo Urbano e Verde Pierfrancesco Maran. “La sperimentazione è stata accolta con favore a maggio anche dalle famiglie e dai Consigli di Zona, che sono stati davvero preziosi nel lavoro di individuazione delle prossime scuole che, se d’accordo, saranno inserite nell’iniziativa”.

“La Polizia locale è molto impegnata sul fronte della sicurezza stradale per le scuole, da una parte con la presenza all’entrata e all’uscita degli istituti, a garanzia del rispetto dei passaggi pedonali, del divieto di sosta, del controllo della velocità, eccetera”, dichiara l’assessore alla Sicurezza e Coesione sociale, Polizia locale e Volontariato Marco Granelli. “Il 69% degli istituti scolastici milanesi, pubblici e privati, sono oggi coperti dalla presenza degli agenti di Polizia locale e il 51% di questi sono Vigili di quartiere. A quello della Polizia locale si aggiunge il servizio fornito da Nonno amico, in 75 scuole materne e primarie, un lavoro volontario che per la sua utilità andremo a incrementare nel corso dell’anno scolastico. Dall’altra l’impegno della Polizia locale è sul fronte della prevenzione e formazione grazie all’istituzione di corsi pensati specificamente per i bambini e ragazzi della scuola primaria e media inferiore sui comportamenti corretti e la sicurezza in strada”.

Per la Zona 1, oltre a via Palermo (nido e primaria), la scuola indicata è quella di via Ariberto (infanzia e primaria); in Zona 2 saranno via Bottego (infanzia e primaria) e via Russo (infanzia e primaria), dove già esiste un servizio simile di chiusura, che verrà regolamentato e inserito nel progetto; in Zona 3, a via Casati e via Reni si aggiungerà via Cima/via Zambaldi (infanzia e primaria); per Zona 4 sono state indicate dal Consiglio di Zona via Colletta (infanzia e primaria) e via Monte Piana (primaria e media), dove già avviene la chiusura della strada che dovrà essere formalizzata; in Zona 5 l’incontro si terrà nella scuola di via Brunacci (infanzia e primaria). La scuola dell’infanzia e primaria Bergognone è, invece, la proposta della Zona 6, per la quale sarà necessario un ulteriore approfondimento con il Comando di Zona e con Amat, perché si tratta di una via a doppio senso e attraversata dalla linea 68. In Zona 7 la sperimentazione di via Rasori (primaria) sarà estesa a via Airaghi (infanzia e primaria), mentre è stata duplice la proposta del Consiglio di Zona 8, che ha richiesto di inserire nel progetto le scuole di via Castellino da Castello (infanzia, primaria e media) e via Mantegna (infanzia, primaria e media). Infine, sarà presentato il progetto all’istituto di via Guicciardi (nido, infanzia e primaria) per la Zona 9.

Ad eccezione di via Reni, dove i lavori stradali effettuati quest’estate hanno portato alla chiusura definitiva al traffico automobilistico di una parte della strada, nelle vie del progetto ‘Car free’ non sarà più possibile transitare dalle 8.15 alle 8.45 e dalle 16.15 e le 16.45 (eccetto via Casati, dove i bambini escono su via San Gregorio). Gli accessi saranno presidiati dalla Polizia locale e le uniche deroghe previste riguarderanno biciclette, residenti, veicoli di soccorso o che trasportano persone con disabilità.

Il progetto nasce dalla volontà dalla vicesindaco Maria Grazia Guida e degli assessori Pierfrancesco Maran e Marco Granelli ed è sviluppato dal settore Mobilità del Comune di Milano, in collaborazione con Amat, i Consigli e i Comandi di Zona. Le strade su cui il ‘Car free’ può essere attivato devono essere innanzitutto locali, non attraversate da mezzi del trasporto pubblico e, preferibilmente, a senso unico.