• Articolo Torino, 23 maggio 2017
  • Un quadriciclo elettrico low cost, a Torino l’e-mobility riparte da qui

  • Il comune piemontese partecipa con Venaria, la spagnola Calvià e l’austriaca Villach al  progetto di ricerca STEVE

quadriciclo elettrico low cost

 

Un quadriciclo elettrico low cost per l’e-mobility integrata

(Rinnovabili.it) – Lo hanno battezzato STEVE, acronimo complesso di Smart-Tailored L-category Electric Vehicle demonstration in hEterogeneous urban cases. È il progetto europeo nato per realizzare e testare nuove soluzioni di mobilità elettrica integrata in contesti urbani. Finanziato attraverso i bandi di “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016/2017”, STEVE trasformerà 4 città europee in siti pilota per una nuova visione dell’e-mobility. Una versione che sia più leggera, comoda e soprattutto economica rispetto a quella attuale. Le città in questione  sono Torino e Venaria per l’Italia assieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach.

 

>>Leggi anche: La mobilità elettrica di piccola taglia è pronta per il boom<<

 

Il progetto STEVE e questo importante riconoscimento a livello europeo – sottolinea l’assessore all’Innovazione della Città di Torino Paola Pisano – confermano la vocazione all’innovazione del territorio torinese sotto diversi aspetti: verranno infatti aumentate sia delle competenze tecnologiche specifiche, come ad esempio quelle sulla stampa in 3D, sia in ambito Industry 4.0, quindi una maggiore integrazione e collaborazione tra i sistemi di produzione. Il progetto STEVE è una grande occasione per le PMI del territorio e per la Città, che sviluppa un ecosistema sempre più attrattivo per le imprese e per i suoi cittadini”.

 

L’iniziativa si concentrerà sull’impiego di un quadriciclo elettrico low cost, un veicolo leggero e di piccole dimensioni che dovrà integrarsi in un sistema di mobilità urbana più ampio (auto, bici, scooter). Elemento centrale del progetto è proprio l’economicità, circa 8mila euro, del mezzo che verrà prodotto da un’azienda del Torinese a partire dal 2018. Con questo progetto – spiega l’assessore ai Trasporti della Città di Venaria, Giuseppe RoccasalvaVenaria è alla prima sua esperienza di partecipazione diretta a un progetto europeo e intende essere territorio di sperimentazione per nuovi e innovativi servizi virtuali di mobilità e nuovi prototipi di veicoli del prossimo futuro”. Il budget assegnato è di circa 7,5 milioni di euro e i partner coinvolti sono in tutto 21 tra imprese, PMI, Università e Amministrazioni pubbliche, tra cui in Italia il Politecnico di Torino e la Jac Italy Design Center.

>>Leggi tutte le ultime notizie sulla mobilità sostenibile<<

Un Commento

  1. Fabio
    Posted ottobre 3, 2017 at 8:30 am

    desideravo sapere se è prevista la vendita a privato quanto costa e scheda tecnica grazie. saluti.

Rispondi a Fabio Cancel reply

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *