• Articolo Roma, 30 maggio 2017
  • Shell Eco-Marathon Europe 2017: 2 prototipi italiani sul podio

  • L’ Itis di Carpi arriva primo nella sezione Prototipi a batteria elettrica grazie ai 750 km percorsi dal loro “Escorpio Evo 17”

Shell Eco-Marathon Europe

The Escorpio Evo 17 (Ed Robinson/Shell)

 

Sventola il tricolore nazionale sul podio della 33esima Shell Eco-Marathon Europe. Sono ben due i team italiani che hanno trionfato sugli oltre 1.500 km del Queen Elizabeth Olympic Park di Londra, dove veicoli avveniristici ad alta efficienza energetica e progettati da studenti delle scuole superiori e delle Università, si sono dati battaglia. La competizione si è conclusa con il consueto bagno di folla. Davanti a 25.000 visitatori, si sono sfidati oltre 170 team, provenienti da quasi 30 Paesi europei, a bordo dei loro veicoli ecologici: vetture ideate e costruite in autonomia, nel corso degli ultimi 12 mesi, che sulla pista londinese hanno dato prova delle loro prestazioni, percorrendo la maggior distanza possibile con l’equivalente di un litro di carburante o un kWh di energia.

 

Per il BelPaese hanno partecipato 5 team composti da studenti provenienti da Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Sicilia, con tre veicoli nella categoria più tradizionale URBAN CONCEPT e due in quella PROTOTIPI che include le auto con design avveniristici. Ed è proprio quest’ultima ad aver regalato le maggiori soddisfazioni.

Il team Zero C, composto da 25 studenti dei corsi di meccanica, elettronica e informatica dell’Istituto tecnico industriale Leonardo da Vinci di Carpi (MO), ha ottenuto il 1° posto della categoria Prototipi alimentati a batteria elettrica con il veicolo “Escorpio Evo 17”. Il nome deriva da una delle numerose invenzioni di Leonardo da Vinci: un battello per uso bellico caratterizzato da un rostro metallico con il quale speronare le navi nemiche. Gli studenti emiliani sono riusciti a imporsi su quasi 30 team concorrenti, riuscendo a percorrere con un kWh un tragitto di ben 753.2 km, ovvero quasi la distanza che separa Napoli e Milano. (Guarda tutti i risultati qui)

 

Shell Eco-Marathon Europe 2017

The IDRAkronos (Bob Martin/Shell)

 

Sul podio anche il Politecnico di Torino: il team H2politO – molecole da corsa ha conquistato il 2° posto della categoria PROTOTIPI alimentati a idrogeno con il veicolo “IDRAkronos”, composto da una monoscocca autoportante in fibra di carbonio e alimentato da una Fuel-cell ad Idrogeno da 500 W e da un motore elettrico brushed ad alta efficienza da soli 250 W. Grazie a queste caratteristiche, la vettura è riuscita a percorrere ben 831 km/m3. (Guarda tutti i risultati qui)

In aggiunta, a pari merito con l’Università di Twente, gli studenti piemontesi hanno vinto anche il Communications Award, il riconoscimento che viene assegnato alla squadra con la migliore capacità di comunicare sia sui social che ai media tradizionali le caratteristiche del proprio progetto.

“Anche la 33esima edizione della Shell Eco-marathon ha visto gli studenti italiani tra i più meritevoli non solo per gli obiettivi raggiunti, ma anche per l’entusiasmo e la professionalità che hanno caratterizzato ogni momento della competizione” – commenta Valeria Contino, Responsabile Relazioni Esterne Shell Italia O.P. – “Grazie all’inventiva, alla propensione alla tecnologia e all’interesse per la meccanica, i ragazzi italiani hanno infatti potuto raggiungere ottimi risultati in materia di eco-sostenibilità e risparmio energetico”.

Un Commento

  1. Massimiliana Carello
    Posted giugno 3, 2017 at 8:20 am

    I dati riportati in km/L sono SBAGLIATI sia per Carpi che per il POLITECNICO di torino. Potete correggerli? Dannaggiano la nostra immagine

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *