• Articolo Rabat, 21 giugno 2012
  • Riparte dal Marocco l’avventura dello speciale aereo solare di Piccard

    Solar Impulse, dopo il Mediterrano attraversa il deserto

  • Dopo aver abbandonato il primo tentativo, Borschberg è decollato nuovamente questa mattina da Rabat in direzione città meridionale di Ouarzazate

(Rinnovabili.it) – Continua l’avventura di Solar Impulse, l’aereo a energia solare che si prepara a stupire il mondo con la sua transvolata planetaria. Il tempo per compiere l’impresa però non è ancora maturo. Dopo le ottime prestazioni che lo hanno condotto dalla Svizzera in Spagna e dalla Spagna in Marocco, il velivolo dell’avventuriero svizzero Bertrand Piccard è stato costretto a rinunciare al primo tentativo di sorvolare il deserto marocchino. Il motivo? Questione di sicurezza; i forti venti e le turbolenze atmosferiche nei pressi delle montagne dell’Atlas avrebbero reso la prova troppo rischiosa.

Il pilota André Borschberg, co-fondatore del progetto, ha tentato nuovamente questa mattina, e con successo, il decollo  dall’aeroporto di Rabat alle 7:05 ora locale. Solar Impulse volando a una velocità di 62 chilometri all’ora sopra l’Atlantico in direzione di Casablanca (100 km a sud della capitale) dovrebbe atterrare alle 11:30 ora locale di questa sera a Ouarzazate, esattamente a pochi metri dall’area dove il Marocco ha intenzione di realizzare più grande impianto solare termodinamico del mondo. Ricordiamo che questo gigante high-tech degli aeromobili, che ha un’apertura alare di un jumbo jet, ma pesa poco più di un’auto di medie dimensioni, è dotato di 12.000 celle solari che alimentano quattro motori elettrici.