• Articolo Bruxelles, 21 dicembre 2016
  • T&E: I progressi sulle emissioni auto sono fermi da 4 anni

  • Tra risultati di laboratorio e prestazioni reali esiste un gap che cresce nel tempo, anziché ridursi. E trucchi legali per barare non spiegano tutto

T&E: I progressi sulle emissioni auto sono fermi da 4 anni

 

(Rinnovabili.it) – Il dieselgate e lo scandalo emissioni auto hanno aperto un vaso di Pandora. Quelle che sembravano piccole falle dell’automotive europea (e non solo) si sono rivelate una prassi consolidata, di cui erano a conoscenza controllati e controllori. E mentre l’Unione Europea corre ai ripari con un nuovo piano per rafforzare controlli e vincoli emissivi, Transport&Enviroment mostra come l’attuale sistema per valutare le prestazioni auto, abbia “completamente fallito”.  Nel suo nuovo Mind the Gap Report 2016, l’associazione esamina la differenza tra i risultati ufficiali dei test di laboratorio e il mondo reale, per emissioni di CO2 e risparmio di carburante.

 

Quello che ne emerge è un settore completamente congelato: negli ultimi dieci anni le nuove automobili non sono divenute efficienti come sostengono le case automobilistiche. A migliorare sono stati invece i dati di laboratorio, allontanandosi sempre più da quelli reali. Se nel 2001 la forbice tra prestazioni vantate e prestazioni reali era in media del 9%, nel 2015 si è raggiunto addirittura il 42%. E sulla strada vera i progressi nel taglio delle emissioni sono fermi da quattro anni.

 

“Le case automobilistiche, e non i conducenti, sono la causa del problema, attraverso lo sfruttamento delle falle nei test e, in alcuni casi, attraverso l’uso di dispositivi illegali di manipolazione”, spiega T&E.

 

Esistono almeno 20 modi per barare legalmente ai test e il contributo cumulativo di ogni “flessibilità” (tra quelle note) può rappresentano un differenziale fino al 50%. Secondo l’analisi dell’associazione non si salva nessuno, ma qualcuno riesce anche a superare, in maniera inspiegabile, il 50%. La performance peggiore è della Mercedes, per cui il gap è in media del 54% e raggiunge il 56% per alcuni modelli. Vengono poi Audi e Smart (49%), Peugeot (45%), Toyota (43%) e Volkswagen (40%), mentre il divario minore è appannaggio della Fiat (35%).

 

MercedesOutlierBarGraph_3

 

Le nuove regole WLTP (Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure) che entreranno in vigore nel 2017 in Europa, elimineranno completamente il divario, spiega T&E. Per portare il gap più vicino allo zero, l’associazione raccomanda che la Commissione Europea imponga entro il 2025 un obiettivo di “CO2 emessa durante i test” pari a 80 g / km, integrando la prova con una su strada, che non si allontani dal valore di laboratorio più del 10%. Il sistema di approvazioni nazionali – che ha dimostrato grazie allo scandalo Dieselgate di mancare di indipendenza e di rigore – dovrebbe essere rafforzato attraverso la creazione di un’Autorità di vigilanza europea che garantisca che le prestazioni dei veicoli su strada siano conformi ai risultati di omologazione originali.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *