• Articolo Helsingor, 15 marzo 2019
  • Traghetti elettrici: la rivoluzione nello Stretto di Oresund

  • Entrati ufficialmente in servizio lo scorso novembre, Tycho Brahe e Aurora sono attualmente i traghetti elettrici più grandi al mondo, operativi su un percorso ad alta intensità nello Stretto di Oresund, tra Svezia e Danimarca

traghetti-elettrici-svezia

 

Grazie ai nuovi traghetti elettrici evitata ogni anno l’immissione in atmosfera di circa 28.000 ton di CO2

 

(Rinnovabili.it) – Lo Stretto di Oresund, tra Svezia e Danimarca, è stato lo scenario della rivoluzione pulita condotta dalla ForSea, azienda svedese che ha convertito gli inquinanti traghetti a diesel in traghetti elettrici alimentati a batterie. I traghetti in questione sono Tycho Brahe e Aurora, di oltre 100 metri di lunghezza, che fanno la spola tra Helsingborg in Svezia e Helsingor in Danimarca, un percorso di 4 chilometri ogni anno frequentato da oltre 7 milioni di passeggeri e quasi 2 milioni di veicoli, con attraversamenti ogni 15 minuti nell’arco della giornata.

 

>>Leggi anche Emissioni navi, verso un nuovo sistema di monitoraggio<<

 

La conversione delle due navi, ad oggi i più grandi traghetti elettrici al mondo, ha comportato l’installazione di batterie di potenza pari a 4,16 MegaWatt su ogni traghetto e della necessaria infrastruttura a terra. Secondo quanto dichiarato dall’ingegnere capo della ForSea, Christian Andersson, i tempi di connessione sono stati ottimizzati grazie all’impiego della robotica industriale e delle comunicazioni wireless, e hanno reso possibile ricariche molto veloci: meno di 6 minuti per la ricarica in Danimarca e 9 minuti per quella in Svezia. A sostegno dell’obiettivo di Stoccolma di azzerare le emissioni di gas serra entro il 2045, la ForSea ha dichiarato di reperire energia per le batterie solo da fonti di energia rinnovabili. Un processo totalmente verde, alimentato soltanto dalla forza del vento e dell’acqua.

 

>>Leggi anche Dalla Francia una proposta per limitare le emissioni delle navi nel Mediterraneo<<

 

Otto le settimane che ci sono volute per convertire i due traghetti, hanno riferito gli ingegneri che hanno lavorato al progetto, ed enorme il saldo positivo da un punto di vista di impatto ambientale: il progetto ha consentito di evitare ogni anno l’immissione in atmosfera di circa 28.000 tonnellate di biossido di carbonio, con impatti positivi anche sulla qualità dell’aria di tutto lo Stretto di Oresund. I tempi di attraversamento dello Stretto non sono cambiati, ma dalla ForSea fanno sapere che il motore elettrico è molto più performante rispetto al diesel, dato confermato anche dai conducenti alla guida dei due traghetti elettrici. Tycho Brahe e Aurora sono entrati ufficialmente in servizio lo scorso novembre e sono attualmente i più grandi traghetti senza emissioni al mondo che operano su un percorso ad alta intensità.

Un Commento

  1. ritamir
    Posted marzo 15, 2019 at 12:02 pm

    Quando si fanno opere a favore di cittadini e ambiente, non devono esserci intralci di tipo ” calcolo costi-benefici”. Il progresso che unifica (inteso come miglioramento della vita sulla Terra, sia ambientale che economico che sanitario, nonché culturale e artistico) non va fermato per i paraocchi dei politici.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *