• Articolo Washington, 5 dicembre 2019
  • La seconda più grande compagnia di traghetti al mondo vira sull’elettrico

  • L’americana Washington State Ferries convertirà i suoi tre battelli più grandi e inquinanti in mezzi ibridi, per risparmiare sui costi di carburante e di manutenzione

Attualmente, il consumo annuo di carburante diesel della Washington State Ferries è pari a quello di una compagnia aerea di medie dimensioni 

(Rinnovabili.it) – La Washington State Ferries, il secondo più grande gestore di traghetti al mondo, aprirà le proprio porte a propulsione elettrica e batterie.  L’annuncio arriva direttamente dal governatore dello Stato di Washington, Jay Inslee, impegnato in prima linea a promuovere e stimolare la decarbonizzazione del territorio.

La società è infatti tra gli organismi di proprietà governativa incaricati di puntare alle zero emissioni ai sensi della nuova legislazione statale. Ma il passaggio ai traghetti elettrici “non è dipeso solo dalla richiesta del governatore”, ci tiene a sottolineare Ian Sterling, responsabile delle comunicazioni alla Washington State Ferries. “Si tratta di una buona idea perché silenzia le imbarcazioni [mentre] ovviamente rimuove tonnellate di emissioni di gasolio. E anche se non sei un ambientalista, questa è una buona idea per il contribuente perché ci aspettiamo che si ripaghi da solo relativamente rapidamente, in base al prezzo del carburante. Risparmieremo milioni di dollari all’anno”. E’ stato calcolato infatti che ogni anno la società consumi più di 75 milioni di gasolio, quanto una “compagnia aerea di medie dimensioni”.

>>Leggi anche Norvegia: navi da crociera alimentate con biogas a base di scarti di pesce<<

 

La Compagnia aveva ipotizzato l’uso di traghetti elettrici ibridi o a gas naturale già nel 2012, constatando però l’inadeguatezza, al tempo, delle tecnologie disponibili. Spinta in particolare dal comparto automobilistico, la ricerca nel campo dell’elettrico ha fatto in pochi anni passi da gigante, incoraggiando anche altri settori dei trasporti a seguire l’esempio.

Tuttavia, ci vorrà molto tempo per elettrificare l’intera flotta a causa delle difficoltà nell’installazione delle necessarie strutture di ricarica e nei relativi accordi di fornitura elettrica. Il programma dell’operatore inizierà pertanto dalle navi più grandi e inquinanti, cioè i tre traghetti Jumbo Mark II, responsabili da soli del consumo di circa 18 milioni di litri di carburante all’anno: l’aggiornamento delle navi riguarderà la sostituzione di due dei quattro propulsori diesel con unità elettriche fornite da Siemens.
Parallelamente, la compagnia sta anche avviando un programma per la progettazione e la costruzione di nuovi traghetti elettrici ibridi pronti ad entrare nella flotta entro tre anni.

 

La Washington State Ferries – va ricordato – non è l’unica compagnia navale a muoversi nella direzione del taglio delle emissioni, o comunque dell’abbandono del diesel. Sulla stessa strada c’è anche la British Columbia Ferry Services, già convertitasi al gas naturale ed attualmente impegnata nell’elettrificazione della sua flotta. 

Risultati positivi dovrebbero arrivare anche dall’accordo “Getting to Zero Coalition“ che riunisce 60 tra le principali compagnie del settore con l’obiettivo di spingere il mercato e i decisori politici a realizzare le infrastrutture necessarie alla messa in acqua di sole navi alimentate da carburanti a zero emissioni già nel 2030. Una scelta che risponde agli obiettivi dell’Organizzazione Marittima Internazionale che ha fissato il taglio del 50% delle emissioni di settore (che rappresenta il 2,2% delle emissioni globali di CO2) entro il 2050 (rispetto ai valori registrati nel 2008).

 

 

>>Leggi anche: “Il Regno Unito acquisterà solo navi a zero emissioni”<<

 

Un Commento

  1. Andrea
    Posted dicembre 10, 2019 at 3:46 pm

    Speriamo sia un buon viatico per l’utilizzo anche in altri traghetti!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *