• Articolo Londra, 23 gennaio 2012
  • Un progetto annunciato dal Ministro Mark Prisk

    UKH2Mobility: l’idrogeno muoverà i trasporti britannici?

  • “Il governo sostiene il mercato investendo 400 milioni di sterline per sostenere lo sviluppo, la dimostrazione e la diffusione di questi veicoli” ha dichiarato Prisk

(Rinnovabili.it) – Il  Ministro britannico degli Affari, Mark Prisk, ha formalmente annunciato il via libera ad un nuovo progetto per dare nuova linfa all’industria britannica dei veicoli low carbon. Il progetto, battezzato UKH2Mobility valuterà il potenziale dell’idrogeno come carburante per i veicoli del Regno Unito, per poi passare allo sviluppo di un piano d’azione per il biennio 2014/15. Il progetto si propone di analizzare la situazione per l’introduzione di veicoli a combustibile a idrogeno elettrici come soluzione per la decarbonizzazione, ma anche per quantificare gli investimenti necessari per commercializzare la tecnologia. UKH2Mobility servirà anche per identificare e valutare le metodologie da applicare per rendere l’Uk leader mondiale in questo settore aprendo così nuove strade e nuove opportunità economiche.

Parlando in occasione del lancio di UKH2Mobility di Mark Prisk ha dichiarato “Il Regno Unito sta dimostrando di essere un mercato chiave per i primi veicoli ultra-low emission con un numero crescente di mezzi elettrici e ibridi plug-in che compaiono sulle nostre strade.

“Il governo sostiene il mercato investendo 400 milioni di sterline per sostenere lo sviluppo, la dimostrazione e la diffusione di questi veicoli.”

I veicoli ad idrogeno sono sempre più riconosciuti come una delle opzioni più necessarie, visto che ci muoviamo verso un futuro in cui i mezzi a basse emissioni spopoleranno. Il Regno Unito è già la sede di una serie di società di importanza mondiale che stanno sviluppando interessanti nuove tecnologie nell’energia a idrogeno e nel settore automobilistico. Jerry Hardcastle, Vice-Presidente per la progettazione e Sviluppo dei veicoli Nissan, ha dichiarato: “Questo è un importante passo in avanti per il settore automobilistico verso lo sviluppo di tecnologie pulite e verso la mobilità a emissioni zero. Il progetto UKH2Mobility fornirà la valutazione del potenziale dell’idrogeno come carburante per i trasporti entro la fine del 2012. Se i risultati saranno positivi, sarà sviluppato un piano d’azione per percorrere tutti i passi necessari per trasformare il Regno Unito in uno dei primi mercati per la commercializzazione globale di veicoli a idrogeno elettrici.