• Articolo Los Angeles, 14 maggio 2012
  • “Giocando” con il DNA dei cianobatteri

    Una spremuta di tabacco nel motore

  • Dalle sigarette alle automobili. Grazie all’ingegneria genetica si potrebbe ottenere una nuova linea di produzione del biofuel a partire dalle foglie di tabacco

(Rinnovabili.it) – Gli accaniti fumatori probabilmente storceranno il naso, ma al Lawrence Berkeley National Laboratory il tabacco ha intrapreso una strada produttiva decisamente meno dannosa per la salute umana. Un team di scienziati sta studiando un modo per produrre benzina, diesel e carburante jet dalle foglie di tabacco. Il loro obiettivo è quello di ingegnerizzare le piante per renderle in grado di utilizzare l’energia solare e produrre molecole di carburante direttamente nelle foglie. Quest’ultime verrebbero quindi semplicemente schiacciate per estrarre e separare il combustibile. Secondo i primi calcoli teorici degli scienziati, circa 1000 ettari di tabacco potrebbero produrre oltre un milione di galloni di biofuel.

La scelta della pianta non è un caso se si pensa che negli Usa è coltivato in vaste aree con ottime rendite annuali e che, come specie vegetale, mostra di essere perfettamente suscettibile all’ingegneria genetica. Ma prima di poter fare un pieno di tabacco alla propria auto, i ricercatori hanno ancora parecchie sfide davanti. Il primo passo sarà quello di creare una via breve con cui convertire i raggi solari in molecole di combustibile. “Vogliamo ignorare i processi a valle, come la fermentazione e la produzione di carburanti direttamente in coltura”, spiega Christer Jansson, biochimico a capo del progetto. La squadra spera di creare un impianto enzimatico all’interno della pianta stessa che catturi la CO2 dall’aria per trasformarla in catene di idrocarburi da poter successivamente rompere in molecole più corte, e creare così l’attesa bio-benzina. Jansson inizierà estraendo alcuni geni dei cianobatteri che codificano per enzimi che producono alcani, facendone alcune versioni adatte per ad essere espresse nella pianta del tabacco. Le piante così bio-ingegnerizzate saranno coltivate all’UC Berkeley e monitorate attraverso risonanza magnetica nucleare delle foglie per  consentire agli scienziati di individuare eventuali problemi. Il team spera di ottenere la prima pianta in circa 18 mesi; l’obiettivo finale è un tabacco in cui il 20-30 per cento del peso secco è composto da idrocarburi.