• Articolo Roma, 27 luglio 2016
  • VENTO diventa reale: ok alla ciclovia tra Venezia e Torino

  • Governo e Regioni hanno firmato un protocollo d’intesa che dà avvio alla progettazione e realizzazione della Rete Nazionale delle Ciclovie Turistiche Italiane

(Rinnovabili.it) – Non chiamatela semplicemente pista ciclabile: VENTO è molto di più. E’ la futura arteria della mobilità leggera che unirà Venezia a Torino (da cui il nome VEN-TO) costeggiando il Po, un tracciato lungo ben 769 km in grado di fare da raccordo alle molteplici risorse culturali, turistiche, naturalistiche e enogastronomiche dei luoghi che attraversa. Presentato alcuni anni fa dal DAStU del Politecnico di Milano, il progetto ha ricevuto il suo riconoscimento ufficiale con Ddl Stabilità 2016 che ha triplicato i fondi da destinare alle ciclovie turistiche italiane, tra cui per l’appunto VENTO.

 

E oggi, Governo e Regioni hanno firmato a Roma un protocollo d’intesa che per la prima volta dà concreto avvio alla progettazione e realizzazione della Rete Nazionale delle Ciclovie Turistiche Italiane, di cui  dorsale cicloturistica ideata dal Polimi fa parte. “Si tratta di un’infrastruttura leggera, ma non meno densa di contenuti tecnici e tecnologici – spiega il Politecnico in una nota stampa. – Un’infrastruttura che impegnerà ingegneri, architetti, designer e urbanisti in quanto da oggi inizierà la prima fase di progettazione preliminare”.

 

380169_1

 

VENTO è stato sostenuto in tutti questi anni dal territorio del Po, dalle sue aziende, comuni, istituzioni, associazioni, fondazioni, amministrazioni pubbliche.

A regime sarà il primo e più grande progetto di infrastruttura cicloturistica in Italia e una volta realizzato sarà in grado di supportare flussi di 3-500.000 passaggi di cicloturisti all’anno generando indotti per oltre 100 milioni annui e migliaia di nuovi posti di lavoro. Il tutto a un costo di investimento pari a poco più di 100 milioni, ovvero l’equivalente di tre chilometri di autostrada. “Il Politecnico di Milano è fiero di contribuire a questo importante investimento pubblico e manifesta il suo apprezzamento al Governo e alle Amministrazioni Regionali che rendono possibile la realizzazione di un’infrastruttura che genererà nuove economie verdi e valorizzerà uno dei paesaggi italiani più belli e ricchi di valore storico”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *