• Articolo Bari, 24 luglio 2017
    • Goletta verde in Puglia: la depurazione fa ancora cilecca

    • Goletta Verde presenta i risultati del monitoraggio in Puglia: il 20% dei depuratori presenta criticità mentre il 19% è soggetto a scarichi anomali

    Goletta Verde in Puglia

     

     

    (Rinnovabili.it) – Bene ma non benissimo. La pagella delle acque pugliesi è quella di un alunno che si impegna ma senza raggiungere le sue piene potenzialità. Il monitoraggio di Goletta Verde in Puglia – il battello approderà approderà domani a Manfredonia per la sua ultima tappa regionale – mostra una situazione complessivamente soddisfacente, ma con alcuni problemi ancora da risolvere. Sono solo sette su trenta, infatti campionamenti (eseguiti in corrispondenza delle foci di fiumi, canali e torrenti) a risultare fuori dai limiti di legge. Ma di questi, cinque sono stati classificati dai tecnici di Legambiente come “fortemente inquinati”: la foce del torrente Candelaro a Manfredonia; la foce del canale contrada Posticeddu sul Litorale Apani a Brindisi; la foce del canale Reale a Torre Guaceto, nel comune di Carovigno; la spiaggia di fronte al canale Ostone (Canale dei Cupi) a Taranto; la foce del torrente sulla litoranea di Ponente di Barletta.

     

    “Il risultato del monitoraggio di Goletta Verde – afferma Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – ci consegna una fotografia nel complesso positiva, anche se permangono le criticità su tutti i tratti di mare interessati dalle foci di fiumi e canali. Sul fronte della depurazione scendono a 4 gli impianti che scaricano nel sottosuolo e, dai 2.493 controlli effettuati da Arpa Puglia, emerge che il 20% dei depuratori non rispetta i limiti tabellari per almeno un parametro monitorato”.

     

    Nel complesso, spiega associazione, sono 185 gli impianti di depurazione a servizio degli agglomerati pugliesi, di cui 183 gestiti da Acquedotto Pugliese e 2 gestiti direttamente dai comuni (Lesina Marina e Sannicandro Garganico-Torre Mileto). Tra questi, tuttavia, solo 17 sono dotati di stazione di trattamento “bottini”, vale a dire dei rifiuti liquidi provenienti dallo svuotamento delle fosse settiche o dai pozzi neri , casi in cui manca la rete di fognatura dinamica.

    La scarsa disponibilità idrica superficiale naturale condiziona fortemente la tipologia dei recapiti finali nella regione e fa sì che il 78% sia costituito da lame e corsi d’acqua minori o dal suolo (attraverso trincee drenanti) e il 16% dal mare. Gli impianti che continuano a scaricare nel sottosuolo, con grave rischio di inquinamento delle falde acquifere, sono 4 (Casamassima Vecchio, Lesina Marina, Manduria Vecchio e Martina Franca), 3 in meno di quelli recapitanti nel sottosuolo nel 2016. Nel complesso il 20% dei depuratori presenta criticità mentre il 19% è soggetto a scarichi anomali.

    Tutte le News | Puglia
    ENEA solo l’efficienza energetica può rilanciare l’edilizia09 febbraio 2017

    Risparmio energetico: Puglia, 200mln per edifici a energia quasi zero

    Approvato il nuovo bando per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici. A beneficiarne saranno scuole, case popolari e ospedali della regione

    img (1)11 luglio 2016

    Approvato in Puglia il Catasto energetico regionale

    Impianti termici e certificati APE saranno registrati e mappati. Capone: “Con le nuove norme vantaggi per l’economia e l’ecologia”.

    Premio E-Gov: vince Lecce sempre più vicina al modello smart city22 ottobre 2015

    Premio E-Gov: vince Lecce, sempre più vicina al modello smart city

    Lecce si aggiudica il premio E-Gov, per il progetto della pubblica amministrazione che utilizza gli open data per trasformarla in una smart city trasparente ed innovativa

    otranto1 (1)13 luglio 2015

    Goletta Verde in Puglia per dire NO alle trivelle

    Legambiente: “Chiediamo a Renzi di vietare l’utilizzo dell’airgun per il settore delle attività estrattive che non porta vantaggi alle comunità ma solo alle compagnie petrolifere”

    villaggio-abusivo-Torre-Mileto08 luglio 2015

    Consumo di suolo: quello che la Puglia sta perdendo

    In 20 anni trasformato per sempre il 56% del paesaggio costiero pugliese. Legambiente: “Il neogovernatore  della Puglia dia continuità al Piano paesaggistico”

    wind-turbines-offshore02 luglio 2015

    Eolico marino, sbloccato a Taranto il 1° impianto mediterraneo

    Il Consiglio di Stato respinge il ricorso contro la sentenza del Tar Puglia del Comune di Taranto, contrario al parco eolico della Beleolico assieme a Regione e Soprintendenza

    Puglia09 febbraio 2015

    La Puglia nell’osservatorio nazionale sul Burden Sharing

    Nicastro: ripresentato emendamento al Decreto burden sharing che chiede di tener conto della presenza sul territorio delle cosiddette attività ‘energivore’ di rilevanza nazionale