• Articolo Bari, 9 febbraio 2017
    • Risparmio energetico: Puglia, 200mln per edifici a energia quasi zero

    • Approvato il nuovo bando per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici. A beneficiarne saranno scuole, case popolari e ospedali della regione

    Risparmio energetico: Puglia, 200mln per edifici a energia quasi zero

     

    (Rinnovabili.it) – L’edilizia pubblica pugliese apre le porte al risparmio energetico. E lo fa con un bando europeo del valore di ben 200 milioni di euro. Approvato dalla giunta regionale solo qualche giorno fa, il nuovo bando mira alla realizzazione di edifici a energia quasi zero, sostenendo finanziariamente una lunga lista di interventi: dalla ristrutturazione degli immobili esistenti sia per quanto riguarda l’involucro esterno, sia per le dotazioni impiantistiche, con sistemi di telecontrollo intelligente e ottimizzazione dei consumi energetici, all’installazione di impianti di produzione energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo.

     

    A beneficiare della somma – stanziata con fondi Por Puglia 2014-2020 – saranno edifici della PA, case popolari, scuole e per la prima volta anche ospedali. Dieci milioni sono riservati alle amministrazioni statali e trenta alle aziende sanitarie e ospedaliere. Inoltre, sono riservati trenta milioni per le case popolari, otto per gli edifici pubblici regionali e altri otto per interventi nell’area interna dei Monti Dauni.

     

    “La Puglia smart significa anche efficientare in maniera intelligente gli edifici pubblici – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Loredana Caponeperché con investimenti mirati riusciamo a migliorare la vita delle persone e degli utenti. Si pensi agli ospedali, dove mantenere la corretta temperatura negli ambienti di degenza costa moltissimo e dove spesso le infrastrutture di base come finestre e murature sono fonti di sprechi”.

    Infissi, isolamenti murari, sistemi efficienti di riscaldamento e condizionamento sono tra gli interventi ammessi, con al massimo 5 milioni di euro per ciascun intervento. Ciascun ente potrà presentare fino a tre progetti, con un’ipotesi di finanziamento fino a 15 milioni. Si dovrà arrivare minimo a edifici di classe “C” e sarà maggiore la premialità per la riduzione di emissioni, l’innovazione, il livello di progettazione e per il cofinanziamento.

     

    “Siamo sicuri – conclude Capone – che anche il mondo dell’impresa attende un bando di questa portata per utilizzare le proprie professionalità nel corso di interventi non più rinviabili su edifici spesso insicuri e fonte di sprechi energetici. Si tratterà di ossigeno per un settore che ha risentito molto della crisi. Infine, il messaggio per gli enti locali è chiaro: più risparmi, più ti premio”.

    Tutte le News | Puglia
    img (1)11 luglio 2016

    Approvato in Puglia il Catasto energetico regionale

    Impianti termici e certificati APE saranno registrati e mappati. Capone: “Con le nuove norme vantaggi per l’economia e l’ecologia”.

    Premio E-Gov: vince Lecce sempre più vicina al modello smart city22 ottobre 2015

    Premio E-Gov: vince Lecce, sempre più vicina al modello smart city

    Lecce si aggiudica il premio E-Gov, per il progetto della pubblica amministrazione che utilizza gli open data per trasformarla in una smart city trasparente ed innovativa

    otranto1 (1)13 luglio 2015

    Goletta Verde in Puglia per dire NO alle trivelle

    Legambiente: “Chiediamo a Renzi di vietare l’utilizzo dell’airgun per il settore delle attività estrattive che non porta vantaggi alle comunità ma solo alle compagnie petrolifere”

    villaggio-abusivo-Torre-Mileto08 luglio 2015

    Consumo di suolo: quello che la Puglia sta perdendo

    In 20 anni trasformato per sempre il 56% del paesaggio costiero pugliese. Legambiente: “Il neogovernatore  della Puglia dia continuità al Piano paesaggistico”

    wind-turbines-offshore02 luglio 2015

    Eolico marino, sbloccato a Taranto il 1° impianto mediterraneo

    Il Consiglio di Stato respinge il ricorso contro la sentenza del Tar Puglia del Comune di Taranto, contrario al parco eolico della Beleolico assieme a Regione e Soprintendenza

    Puglia09 febbraio 2015

    La Puglia nell’osservatorio nazionale sul Burden Sharing

    Nicastro: ripresentato emendamento al Decreto burden sharing che chiede di tener conto della presenza sul territorio delle cosiddette attività ‘energivore’ di rilevanza nazionale

    Puglia31 gennaio 2015

    Nicastro: Regione rinnova protocollo forze dell’ordine su controllo ambientale

    Sottoscritto questa mattina il protocollo per l’Accordo quadro