• Articolo Bari, 28 maggio 2014
  • In Puglia la differenziata raggiunge il 27,08%

  • Nicastro: “il trend di crescita dei primi 4 mesi di quest’anno è una assoluta novità nella storia della nostra regione”

In Puglia la differenziata raggiunge il 27,08%(Rinnovabili.it) – La politica attuata a livello regionale dalla Puglia nel settore rifiuti sta dando i primi frutti: nel mese di aprile raccolta differenziata ha raggiunto il picco massimo di 27,08%. Un dato significativo soprattutto se messo in relazione alla crescita dello scorso anno. A commentare i dati è in questi giorni l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente Lorenzo Nicastro che ha sottolineato come dal 2010 ad oggi ci sia stato un incremento della media regionale che si aggira attorno ai dieci punti percentuali. “E’ chiaro che una rondine non fa primavera  – spiega Nicastro – ma il trend di crescita dei primi 4 mesi di quest’anno è una assoluta novità nella storia della nostra regione e lascia intravedere alla scadenza del prossimo 30 giugno il raggiungimento di percentuali inimmaginabili sino a qualche mese fa”.

 

L’amministrazione regionale, come affermato dall’assessore pugliese, sta continuando a lavorare sulla e “gestione sostenibile dei rifiuti” al fine di costruire opportunità nuove ed iniziative che permettano di canalizzare i risultati. In tal senso è stato istituito un tavolo con gestori, amministrazioni locali, Province ed Oga, per definire una corretta gestione dei flussi verso gli otto impianti di compostaggio presenti sul territorio regionale. “Se il trend di aumento della percentuale di differenziata dovesse mantenersi costante – conclude Nicastro – gli impianti attualmente operanti, anche in ragione di attività di efficientamento, miglioramento e riorganizzazione necessarie, sono in grado di soddisfare le esigenze di tutto il territorio regionale per quello che riguarda la frazione organica”.