• Articolo Bari, 6 giugno 2014
  • Puglia Taste & Bike, l’eccellenza alimentare incontra l’eco-mobilità

  • Vendola: “Il progetto si propone come un modello culturale di educazione ambientale e alimentare”

Puglia Taste & Bike, l’eccellenza alimentare incontra l’eco-mobilitàCibo e bici, un accoppiata insolita ma in grado di puntare allo stesso obiettivo: il rispetto per il territorio, delle sue eccellenze e delle sue naturali vocazioni. Ed è proprio questo ciò che intende fare “Puglia Taste & Bike, Itinerari del gusto in bicicletta”, progetto nato per riunire aziende agricole e musei d’arte contadina, masserie didattiche, agriturismi e antichi frantoi ipogei all’interno  di percorsi ispirati alla filosofia slow della mobilità su due ruote. Un’iniziativa che è al tempo stesso un’avventura unica, votata alla valorizzazione del territorio rurale e delle sue produzioni a partire dall’istituzione di vie ciclabili del patrimonio agroalimentare della Puglia. “Questa esperienza  – spiega il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola – non è soltanto l’inizio di un modello che va generalizzato e vissuto 365 giorni all’anno, ma è anche lo stimolo per strutturare esperienze pilota che trasformino la modalità di vivere il rapporto tra città e campagna, il rapporto con la mobilità. Puglia Taste & Bike si propone come modello culturale di educazione ambientale e alimentare, un modello alternativo di mobilità perché incrocia, con una modalità slow, paesaggio, storia, bellezza e i prodotti della nostra terra e del nostro mare”. I primi due percorsi sono già stati testati: quello dei profumi, con escursioni nei ciliegeti di Conversano, e quello del mare con escursioni tra i giardini a mare, dove sono allevati i mitili, e con la visita all’isola di san Paolo e degustazione delle specialità marinare, in primis, delle cozze tarantine.