• Articolo Lione, 30 novembre 2013
  • Auto a fine vita? Un’arte

  • Un tavolo da ping pong, una fioriera, una griglia o un pollaio: ecco cosa diventano le auto a fine vita

A-Bufalino-auto-a-fine-vita(Rinnovabili.it) – Le auto a fine vita, oltre a essere riciclate e recuperate quasi interamente, possono anche diventare altro e acquisire una nuova identità. Lo sa bene Benedetto Bufalino, un giovane artista francese a cui piace sperimentare e che proprio nelle vecchie carcasse sembra aver trovato una fonte di ispirazione artistica alquanto singolare. Con un occhio sagace attento alla sostenibilità, a Bufalino piace provocare con la messa in scena di iniziative apparentemente divertenti, ma che puntano a stimolare la riflessione dello spettatore su temi ben più profondi, come l’inquinamento legato ai trasporti o la raccolta differenziata: è il caso delle opere Poubelles en cartons poubelle (Foto 1), La station de velo’v (Foto 2) o Les voitures en carton (Foto 3).

 

In altri casi, invece, l’artista ha dato libero sfogo alla creatività trasformando le auto a fine vita nelle opere d’arte più disparate. In Autogrill (Foto 4), per esempio, Bufalino ha visto bene di svuotare il cofano di un’auto dismessa per posizionarci un vero e proprio braciere con tanto di griglia e carne da grigliare, da posizionare agli angoli delle strade al posto dei tradizionali baracchini ambulanti di panini oppure nel giardino di casa per una arrostita in famiglia. Un’altra carcassa da lui recuperata è stata trasformata in un tavolo da ping pong (La voiture table de ping pong, Foto Apertura) e posizionata all’interno del campus universitario di Lyon 2 per lo svago degli studenti; un’altra ancora è diventata una fioriera stradale, capovolta, riempita di terra e pronta ad ospitare piante per l’abbellimento urbano (La Voiture pot de fleurs, Foto 5).

 

Ma quella sicuramente più originale è la macchina pollaio (La voiture de Police Poulailler, Foto 6): una vecchia macchina della polizia allestita ad hoc per il rifugio dei pennuti. Recuperati questi esemplari d’auto risalenti al 1970, Bufalino ha capito che aprendo tutte le portiere, compresa quella del cofano anteriore, si sarebbero creati spazi interessanti da sfruttare; è così che le auto a fine vita sono state trasformate in pollai all’avanguardia.