• Articolo Vienna, 27 febbraio 2013
  • L’auto obesa gira il mondo!

  • Macchine trasformate in autovetture “ciccione” con l’aiuto di polistirolo e poliuretano espanso sono da anno in mostra nei più famosi musei al mondo

(Rinnovabili.it) – Con l’allarme fame obesità che minaccia una grande fetta del pianeta c’è chi, seguendo il motto “grasso è bello” ha deciso di trasformare delle automobili in macchine “grasse”.

 

Erwin Wurm, artista australiano che vive e lavora in Austria, noto per aver realizzato quella che viene conosciuta come la “casa cicciona” ha messo all’ingrasso anche le macchine, dando vita ad esposizioni che fanno sorridere e attirano migliaia di spettatori ogni anno. Realizzate in collaborazione con la casa automobilistica Opel le Fat Car anche se poi l’artista ha raggiunto il risultato veramente sperato mediante l’utilizzo di poliuretano espanso e polistirolo rivestito con lacca.

Definito uno degli artisti di maggiore successo nell’emisfero contemporaneo Wurm continua a portare in giro per il mondo le proprie mostre, i cui pezzi si possono ammirare anche nei più famosi del pianeta.