• Articolo Palermo, 6 giugno 2013
  • PFU: oggi e domani il convegno UNIRIGOM

  • Gli operatori della filiera degli pneumatici fuori uso discuteranno sui risultati raggiunti in seguito all’applicazione del DM 82/2011, con focus su erba artificiale, asfalti gommati e anti-vibranti ferrotranviari

(Rinnovabili.it) – Flussi gestiti, sbocchi di mercato e nuove frontiere dei materiali riciclati: sono queste le tematiche che saranno affrontate nel corso di “Pneumatici fuori uso: un anno di operatività del DM 82/2011“, il V convegno nazionale dell’associazione UNIRIGOM sul settore dei PFU, in programma oggi e domani al Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi di Palermo. L’iniziativa, organizzata con la collaborazione dei consorzi del settore, analizzerà i risultati ottenuti in seguito all’applicazione del DM 82/2011, il decreto con cui il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha voluto regolamentare la gestione degli pneumatici fuori uso, per “ottimizzarne il recupero, prevenirne la formazione e proteggere l’ambiente“. Il decreto ministeriale ha infatti definito precisi obblighi per il produttore e l’importatore di pneumatici e il ruolo di eventuali strutture operative associate, stabilendo altresì le procedure per la definizione del contributo ambientale e le sanzioni nel caso di una mancata osservanza di quanto disposto.

 

Coinvolgendo tutti gli operatori della filiera degli pneumatici fuori uso, il convegno intende promuovere una discussione tra gli addetti ai lavori che quest’anno privilegerà gli aspetti operativi e pratici, con approfondimenti e focus sulle questioni relative ai campi da calcio in erba artificiale, agli asfalti gommati e agli anti-vibranti ferrotranviari. Quattro le sessioni previste durante la due giorni di convegno: “Un anno di operatività del DM 82/2011” e “Le applicazioni dei materiali riciclati” nella giornata di oggi e “Il recupero di Energia” e “Le nuove frontiere” quelle in programma per domani venerdì 7 giugno.