• Articolo Milano, 7 settembre 2015
  • Le cifre della società dal 2011 ad oggi

    Pneumatici fuori uso: Ecopneus compie un milione

  • Quattro anni dopo l’avvio del sistema obbligatorio di raccolta e riciclo degli pneumatici fuori uso, Ecopneus ha raggiunto il record di 1 mln di tonnellate

Pneumatici fuori uso Ecopneus compie un milione 1

 

(Rinnovabili.it) – Peserebbe come 8 navi da crociera il milione di tonnellate di pneumatici fuori uso raccolto e recuperato dal 2011 ad oggi da Ecopneus. La società lombarda festeggia questo target sottolineando come, in termini di unità, si tratti di circa 100 milioni di pfu raccolti e recuperati da quando è nato il sistema dei consorzi obbligatori.

Ecopneus, al momento, gestisce il 70% dei PFU presenti in Italia, trasformandoli in polverino per asfalti silenziosi, pavimentazioni sportive e insonorizzazioni per l’edilizia, ma anche per produrre nuova energia e cemento.

 

Entrando nel dettaglio, i numeri di raccolta e avviamento a recupero, dal 2011 ad oggi, variano da regione a regione: a detenere il primato è la Lombardia (96.170 tonnellate), seguita da Campania (82.394 ton.), Lazio (79.357 ton.) e Sicilia (77.836 ton). Nel resto d’Italia, a seguire si posizionano Veneto (76.562), Puglia (76.393), Emilia Romagna (74.424) Toscana (61.342), Sardegna (50.640) e ancora Calabria (45.893), Piemonte (44.223), Trentino (38.293), Marche (28.250), Abruzzo (24.103), Umbria (21.167), Liguria (19.677), chiudendo con Friuli (15.192), Basilicata (12.958), Molise (7.233), Valle d’Aosta (318).

 

Dal 2011 ad oggi il 62.5% dei pfu raccolti è stato bruciato per recupero di energia, mentre il 37.5% è stato trasformato in nuovi materiali come granuli, polverini di gomma e acciaio. Un settore, quello del recupero dei materiali, su cui è necessario puntare molto di più per generare tutto quel tessuto economico che ruota intorno al business delle materie prime seconde, in grado di dare maggiore slancio alla green economy e ai green jobs di cui molto si parla.

I vantaggi prodotti sono sia economici che ambientali, secondo l’azienda. Solo nel 2014 – è il dato che fornisce – a livello nazionale sono stati risparmiati 105 milioni di euro sulle importazioni di materia prima vergine ed è stata evitata l’immissione di 344 mila tonnellate di CO2 in atmosfera, nonché lo spreco di 1.8 milioni di metri cubi di acqua e 377 mila tonnellate di risorse minerali e fossili, necessarie alla produzione dei beni che il riciclo va a sostituire.

 

Pneumatici fuori uso Ecopneus compie un milione 4

2 Commenti

  1. ritamir
    Posted settembre 18, 2015 at 10:52 am

    Dovrebbero mettere in commercio maxi piastrelle (come i tappeti-puzzle di plastica già diffusissimi) di questo materiale a prezzo contenuto per le aree gioco dei bambini, magari con grosse agevolazioni per chi si occupa dei bambini (oratori, asili, e anche famiglie con bambini)

  2. Luca
    Posted settembre 28, 2015 at 7:14 pm

    Come si legge nell’articolo il recupero energetico prevale su quello meccanico di materia; i complottisti anti impianti a caldo diranno che così non é uno smaltimento corretto e io rispondo: se il mercato non richiede polverino ed altri derivati (perché gli asfalti, le insonorizzazioni e le pavimentazioni sono ancora fatte per la stragranmde maggioranza con matrie derivate dal petrolio), l’unico modo alternativo al preesistente abbandono é proprio il recupero energetico.
    Stessa cosa con l’RSU: se non adottiamo la regola delle 5R perché c’é ne fott…………, l’unica alternativa all’impacchettamento per le generazioni future, é la termovalorizzazione con recupero energetico (o altro trattamento equivalente)!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *