• Articolo Howell (NJ), 27 ottobre 2013
  • Rottami musicali

  • Arriva dal New Jersey l’idea di recuperare i rottami dell’auto per trasformarli in strumenti musicali

Rottami musicali

 

(Rinnovabili.it) – Il riciclo dei rottami oltre a essere un fiorente motore economico è anche motivo di creazioni artistiche alquanto originali. The Car Music Project è il progetto che ha portato alla creazione di strumenti musicali a partire dal recupero dei rottami automobilistici. Nell’orchestra, composta da ben 22 elementi, sono presenti strumenti a corda e a fiato, nonché ottoni e percussioni, tutti rigorosamente realizzati con i vecchi materiali provenienti dall’auto giunta a fine vita; oltre a essere esteticamente molto belli, la musica che essi riescono a produrre è davvero incredibile. The Car Music Project è nato da un’illuminazione che ha avuto il suo produttore, Bill Milbrodt:

 

“Un giorno sono salito sulla mia vecchia macchina – racconta Milbrodt – e ho capito che non sarebbe andata troppo lontano: faceva fumo, il sistema elettrico era andato in tilt e i sedili erano talmente logori da lasciar uscire le molle. Ho pensato che non solo non avrei potuto venderla, ma se me ne fossi voluto sbarazzare avrei persino dovuto pagare un deposito di rottami”.

 

E’ così che Milbrodt ha realizzato che essa sarebbe potuta diventare una straordinaria fonte di suono e, iniziando a giocare con ogni singola parte per capire quale suono essa avrebbe potuto emettere, ha piano piano messo a punto dei veri e propri strumenti musicali costruiti a partire dai rottami. La parte difficile, secondo quanto spiegato da Milbrodt, è stata armonizzare tutti gli strumenti affinché potessero essere in perfetta sintonia tra loro, ma l’impresa sembra essere assolutamente riuscita. Nel team messo in piedi da Milbrodt sono stati coinvolti meccanici professionisti, musicisti, un ingegnere, un fisico e un tagliatore di vetro. Dal 1995, anno in cui tutto è cominciato, la prima esibizione risale al 2005; tra le performance più significative si ricordano quella del Philadelphia Live Arts & Fringe Festival e quella al Lincoln Center di New York.