• Articolo Roma, 7 gennaio 2016
  • Intervista al presidente del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati

    Tomasi: La sfida del COOU? Parlare ai giovani di ambiente

  • Un sistema quasi perfetto. Questo è il COOU descritto dal suo presidente, che punta sulla comunicazione per migliorare riciclo e coscienza ambientale

COOU 1

 

(Rinnovabili.it) – Con il 98% degli oli usati raccolti e un tasso di avvio a riciclo superiore al 90%, il COOU chiude il 2015 superando ogni record. Le ultime limature a un sistema modello riguardano la qualità dell’olio raccolto – che, se migliorata, potrebbe ridurre ulteriormente la quota non riciclabile – e il fai da te, comparto in cui le buone pratiche devono diffondersi grazie alla sensibilizzazione. È proprio questo lo scopo della campagna itinerante CircOLIamo, organizzata dal Consorzio e giunta a conclusione della sua prima parte. Infine, in occasione di Ecomondo, il COOU ha presentato il Green Economy Report, che riporta i dati relativi al 2014. Abbiamo intervistato il presidente, Paolo Tomasi, per tracciare un quadro delle attività del Consorzio in vista del 2016.

 

Quali dati ha evidenziato il vostro green economy report?

Con il rapporto abbiamo fornito una testimonianza della nostra attività relativamente al 2014. È vero che guardiamo al 2016 con molto interesse per le novità che pensiamo di mettere in campo, ma abbiamo voluto tracciare un consuntivo interessante per fotografare i traguardi raggiunti. Il 1 giugno 2014 abbiamo cambiato il nostro modello operativo, passando a un mercato libero e trasformandoci in un consorzio di ultima istanza, lasciando ai nostri concessionari e alle raffinerie il compito di trovare l’equilibrio domanda e offerta. Il modello ha funzionato in questo ultimo anno e mezzo, anche in un contesto di crisi che ha visto un crollo del greggio e dei prodotti derivati. Lo considero un successo.

 

Vi siete posti, come di consueto anche un obiettivo ambientale.

Esatto, e nel green economy report si trovano tutti i dati relativi al minor consumo di acqua e di suolo grazie al riciclo degli oli usati. Questo significa anche minori emissioni in atmosfera.

 

Qual è invece l’impatto economico del vostro operato?

Si tratta per l’appunto del terzo indicatore che il report analizza. Dal riutilizzo dell’olio usato abbiamo risparmiato denaro che altrimenti avremmo speso in maggior importazioni di petrolio. Nell’arco del 2014 è stata evitata la spesa di circa 90 milioni di euro. Nei 31 anni di attività del Consorzio, questa cifra è pari a 3 miliardi, e oggi subisce una flessione a causa del calo del prezzo del petrolio.

 

IMG_0050

 

Vi è solo un 2% dell’olio raccoglibile che sfugge ancora al sistema COOU. Come fare per aggredire questo valore?

Qui entriamo in un terreno delicato, che rientra nella sfera dei comportamenti individuali. L’olio usato che manca all’appello viene generato nel fai da te. Chi cambia l’olio al veicolo in autonomia si trova con 3 litri di lubrificante da smaltire. Per evitare che ciò venga fatto in maniera scorretta e inquinante tentiamo di comunicare direttamente con il pubblico. Ne è un esempio la campagna CircOLIamo, la quale punta a coinvolgere le amministrazioni locali e soprattutto i giovani.

 

La prima parte della campagna è ormai terminata: possiamo tracciarne un bilancio, anche se provvisorio?

Un elemento molto importante che riscontriamo è la disponibilità da parte dei giovani di sentirci parlare di ambiente. Rispetto ai primi anni, inoltre, vi è un aumento della copertura mediatica molto importante, perché ci permette di ampliare la portata del nostro messaggio che arriva anche sui territori. L’efficacia di CircOLIamo è testimoniata dalle indagini di mercato: questi ci dicono che il Consorzio è molto più conosciuto rispetto agli anni passati. Infine, è sempre più positiva la collaborazione con gli enti locali: nelle isole ecologiche sui territori stiamo cercando di portare i nostri contenitori per la raccolta degli oli usati. Così si viene incontro anche a quelle persone che, cambiando da sole l’olio alle vetture, possono servirsi dell’isola ecologica per depositare quello esausto.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *