• Articolo Roma, 26 marzo 2013
  • Uso & Riuso: un binomio poco consapevole

  • Oggi la premiazione del concorso COBAT sul rispetto dell’ambiente

(Rinnovabili.it) – Qual è il rapporto che l’uomo ha con lo smaltimento dei rifiuti? E in che modo si relazionano gli stili di consumo con l’esplosione esponenziale della produzione di rifiuti? Sono questi i quesiti che COBAT ha lanciato agli studenti di tutta Italia con “Uso & Riuso: consumi e rifiuti nella testimonianza delle generazioni”, il concorso con cui il Consorzio ha voluto stimolare una presa di coscienza virtuosa su queste tematiche, finalizzata all’adozione di comportamenti consapevoli e rispettosi dell’ambiente.

 

Il concorso si è chiuso oggi, con la premiazione di oltre 40 scuole (22.000 gli studenti coinvolti su tutto il territorio nazionale) e una cerimonia che ha visto coinvolti Tessa Gelisio e Piero Angela, l’ospite d’eccezione che ha tenuto una “lezione d’ambiente” sullo sviluppo delle tecnologie per tutelare l’ecosistema e sull’importanza dei comportamenti individuali per difendere il territorio. COBAT ha di fatto sfidato gli studenti, stimolandoli su un tema di grande attualità nella convinzione che l’educazione ambientale cominci proprio sui banchi di scuola. «Con questo concorso – ha dichiarato il Presidente di COBAT, Giancarlo Morandiabbiamo chiesto al mondo della scuola di guardare, registrare e raccontare il problema dei rifiuti e la sua storia, e di approfondire l’impatto ambientale dell’industrializzazione e della crescita dei consumi. Le ultime generazioni hanno visto cambiare radicalmente l’Italia e il mondo: il futuro, da questo punto di vista, è nelle mani di tutti noi e dipende dalla competenza che sapremo raggiungere ed esprimere».