• Articolo Roma, 16 luglio 2019
  • Rifiuti: una campagna per dire basta all’usa e getta

  •  Zero Waste Italia, Movimento per la Decrescita Felice e Italia Che Cambia invitano imprese, istituzioni e cittadine a dire basta al packaging monouso

stop usa e getta

 

(Rinnovabili.it) – A partire dal 2021 nei Paesi dell’Unione Europea entreranno in vigore alcune norme per ridurre produzione e commercio della plastica usa e getta: pochi divieti in realtà e molte misure palliative che dovrebbero tuttavia costituire il primo approccio comunitario al problema del monouso. Per cambiare l’attuale gestione dei rifiuti, tuttavia, non è obbligatorio aspettare ancora due anni: cittadini, imprese, organizzazioni e istituzioni possono far da subito la differenza con scelte consapevoli e buone pratiche. Per ricordarlo nasce la campagna di comunicazione permanente #stopusaegetta. L’iniziativa è stata lanciata ufficialmente oggi da Movimento per la Decrescita Felice, Zero Waste Italy e Italia Che Cambia: insieme le tre realtà chiamano a raccolta gli italiani per un virtuoso passa parola affinché vengano bandito una volta per tutte, l’utilizzo di  confezioni e i dispositivi monouso.

 

“Che bello  – si legge sul sito dell’iniziativa – non avere il pensiero di dover mettere piatti, posate e bicchieri in lavastoviglie a fine pasto o addirittura doverli lavare a mano! Che comodità andare al supermercato e trovare la frutta già tagliata, riposta in comode confezioni. E sicuramente è più semplice bere l’acqua in bottiglia, che è più pratica di quella del rubinetto. Ma ti sei mai chiesto dove finiscono bicchieri, posate, piattini, contenitori, confezioni, bottigliette e gli altri numerosissimi oggetti che nella tua vita usi una sola volta e poi butti via? Sai qual è la loro destinazione finale? Sei tu! Già, proprio tu! Ogni settimana nel tuo stomaco finiscono 5 grammi di plastica. Nei tuoi escrementi si trovano pezzi di plastica, fino a 20 frammenti per ogni 10 grammi di feci. Ogni settimana, insieme all’acqua che bevi, ingerisci 1769 particelle di plastica.

 

>>leggi anche Microplastiche nel cibo: come mangiare una carta di credito a settimana<<

 

Per mettere un punto fin da subito al problema, la campagna proporrà approfondimenti per mettere in guardia il grande pubblico sui danni che l’usa-e-getta sta provocando all’ecosistema indicando le alternative virtuose che ciascuno può adottare nella vita di tutti i giorni.  “Dobbiamo agire oggi! Non aspettare che l’industria si adegui e ti proponga soluzioni ‘sostenibili’. Probabilmente non lo farà mai. L’unico in grado di cambiare veramente le cose sei tu! È ora di dire BASTA alla cultura dell’usa e getta! Le risorse del pianeta che ci ospita sono finite, non possiamo continuare a sfruttarle pretendendo che non finiscano mai”.

cartolina 1

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *