• Articolo Roma, 24 febbraio 2016
  • Una consultazione pubblica sull’economia circolare

  • Avviata dalla Commissione Ambiente del Senato per acquisire informazioni e pareri sul pacchetto lanciato a dicembre dalla Commissione europea

Una consultazione pubblica sull'economia circolare(Rinnovabili.it) – La Commissione Territorio, ambiente, beni ambientali del Senato ha avviato una consultazione pubblica sull’economia circolare. La decisione – che segue la pubblicazione da parte della Commissione Europea del pacchetto Circular Economy – è motivata dall’interesse ad acquisire informazioni e valutazioni delle parti interessate in relazione alle nuove misure proposte dall’esecutivo UE. Quarantanove questi che affrontano in maniera verticale tutte le questioni emerse con il nuovo pacchetto di misure e le cui risposte saranno prese in considerazione ai fini dell’elaborazione del parere da trasmettere a Bruxelles nel quadro del dialogo politico.

 

“Con l’espressione ‘economia circolare’ – si legge sul sito del Senato –  Bruxelles indica un modello produttivo nel quale le risorse vengono utilizzate da imprese e consumatori in modo sostenibile, mantenendo quanto più a lungo possibile il valore dei prodotti, dei materiali e delle risorse e riducendo al minimo la produzione dei rifiuti. Il pacchetto è composto da una Comunicazione e da quattro proposte per la revisione di direttive già in vigore”.

 

La consultazione è aperta a tutti: cittadini, autorità pubbliche, imprese,  Università, centri di ricerca e tutti gli altri soggetti governativi e non governativi interessati sono invitati a esprimere le proprie riflessioni su tutte o solo alcune questioni relative al contenuto e all’impatto del piano di azione e di ciascuna delle quattro proposte di direttiva.

 

Modalità di partecipazione alla consultazione

I contributi devono essere inviati per iscritto, in formato elettronico word e pdf, entro il 1° aprile 2016 all’indirizzo di posta elettronica economiacircolare@senato.it, contenendo al suo interno l’indicazione del soggetto o dell’ente che lo ha predisposto. I contributi possono riguardare tutte o solo alcune delle questioni sopra indicate e saranno resi pubblici in modo integrale. La Commissione potrà invitare i partecipanti alla consultazione pubblica a fornire chiarimenti o ulteriori elementi di approfondimento, anche in forma orale. Nel mese di maggio la Commissione Territorio, ambiente, beni ambientali organizzerà una conferenza per discutere gli esiti della consultazione.

 

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *