• Articolo Tilbury, 26 settembre 2017
  • L'innovazione di una designer olandese

    Plasma Rock, la pietra filosofale dell’economia circolare

  • Con la gassificazione del plasma è possibile trasformare i rifiuti in materiali innovativi, svuotando le discariche e dando un contributo all’economia circolare

economia circolare

 

Un nuovo materiale può dare una svolta all’economia circolare

 

(Rinnovabili.it) – Qual è la formula magica per trasformare le discariche in miniere d’oro? La domanda rimbalza tra le mura degli uffici di istituzioni e centri di ricerca, ma forse una giovane designer olandese ha trovato la risposta. Si chiama Inge Sluijs, e sostiene di avere una ricetta per trasformare i rifiuti in “Plasma Rock”, un materiale innovativo che può essere utilizzato per creare beni di consumo ecologici. La Plasma Rock è il risultato della gassificazione del plasma, deriva cioè dalla suddivisione dei rifiuti in elementi atomici per poi fonderli insieme. I materiali di scarto prelevati dalla discarica vengono prima gassificati a temperature di 800 °C, per poi essere trattati con il plasma, un gas ionizzato che genera un campo magnetico. La torcia al plasma può raggiungere una temperatura superiore alla superficie del sole: dal processo si liberano sin gas, calore e plasma.

Non si tratta di una tecnologia nuova, è l’utilizzo che Sluijs ha in mente a non avere precedenti. Il materiale ha una discreta vita utile e non è tossico, perché tutti i materiali pericolosi sono inerti.  Gli elementi principali della roccia sono la silice, la calce e l’alluminio, con presenza di ossido di ferro, titanio, magnesio, ossido di sodio, potassio e fosfato. Secondo la designer può dare vita ad un’economia circolare che in tutto il mondo permetterebbe di trasformare i rifiuti in beni di consumo rispettosi dell’ambiente. Da 100 kg di materiali di scarto possono nascere 20 kg di Plasma Rock.

 

>> Leggi anche: Quindici nuovi materiali dal riciclo dei vecchi pneumatici <<

 

Sluijs ha concentrato i propri sforzi sulle discariche costiere, a partire dalla quella di East Tilbury, vicino ad Essex, in economia circolareInghilterra. Trasformare i rifiuti nel nuovo materiale è particolarmente importante per questi luoghi, dove l’erosione sottrae anno dopo anno metri di terreno alle coste. Sarebbe così possibile ridurre il volume della discarica evitando che materiali pericolosi vengano a contatto con l’acqua.

Il processo di produzione polverizza i rifiuti, e dal pulviscolo si possono modellare gli oggetti più disparati. Inge Sluijs, ad esempio, ha utilizzato la Plasma Rock per per creare delle piastrelle poi decorate e vendute come souvenir nella cittadina di Tilbury. Ha anche realizzato vasi di vetro decorati con questo materiale: seguendo la vena creativa, Luijs spera di dimostrare non solo il potenziale della sua Plasma Rock, ma anche che possiamo utilizzare i rifiuti come risorse.

2 Commenti

  1. ritamir
    Posted settembre 26, 2017 at 3:55 pm

    MERAVIGLIOSO !
    Ma…quanto viene a costare, alla fine del processo, una mattonella ? Quali sono le sue proprietà fisiche?
    Si può fare con QUALUNQUE rifiuto o si deve selezionare il materiale adatto? Ogni risposta ad ogni mia domanda condiziona enormemente l’eventuale successo,

  2. Valter Cidin
    Posted settembre 27, 2017 at 10:40 am

    Vi prego gentilmente di informarmi relativamente alle nanoparticelle prodotte e se queste fuoriescono dall’impianto e finiscono nell’aria del pianeta che noi respiriamo.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *