• Articolo Roma, 20 aprile 2016
  • Reschool, il progetto di Legambiente Lazio che ridà vita ai vecchi pc

  • La cooperative Reware si occupa di rigenerare computer obsoleti evitando che vengano gettati. Una parte di essi saranno donati alle scuole del territorio

Reschool, il progetto di Legambiente Lazio che ridà vita ai vecchi pc

 

 

(Rinnovabili.it) – Ridare vita a computer non più funzionanti evitando che diventino rifiuti e donarli alle scuole del Lazio. È “Reschool“, il progetto di Legambiente Lazio e della Cooperativa Reware lanciato a Roma ieri, ottimo esempio di economia circolare.

Che provengano da aziende private o da enti pubblici non importa: i dispositive elettronici obsoleti una volta consegnati ai tecnici di Reware, vengono rigenerati grazie ad un software libero. Una parte di questi poi viene rimessa in commercio anche per sostenere le piccole cooperative che gli hanno ridato vita, un’altra va invece ad arricchire le aule informatiche delle scuole.

 

Si tratta di un meccanismo virtuoso che coinvolge il territorio, le aziende, le scuole, i giovani, gli esperti del settore informatico, capace quindi di creare circolarità. Tra i vantaggi c’è senza dubbio quello di evitare uno smaltimento di rifiuti che possono ancora essere utilizzati, ma anche ridurre il consumo di materie prime.

 

ReschoolIl progetto, presentato al Tecnopolo Tiburtino di Roma con il patrocinio del Municipio IV di Roma Capitale, insieme ad aziende, associazioni, cooperative, amministrazioni ed enti pubblici, lancia un messaggio alle nuove generazioni. L’importanza della tecnologia sì, ma con un occhio vecchio l’ambiente. “Economia circolare vuol dire riduzione dei rifiuti, riciclo e riuso dei materiali, per questo rilanciamo con forza la campagna Reschool che parla di sostenibilità, risparmio, green economy, lavoro, istruzione e socialità, in un insieme in cui tutti guadagnano – spiega Roberto Scacchi, Presidente di Legambiente Lazio – dalle scuole con i pc nuovi alle aziende che evitano costi di smaltimento, dalle cooperative di recupero che possono crescere con economie sane, all’ambiente evitando tonnellate di rifiuti prodotti”.

 

Punti di raccolta a Roma: le sedi di Legambiente Lazio in Via Firenze 43, di Reware in Via del Forte Tiburtino 98, del Cies Onlus in Via Merulana 198.

2 Commenti

  1. CLAUDIO MACRINI
    Posted maggio 12, 2016 at 6:26 pm

    Bravissimi. C’è per caso nella Regione Friuli, magari nella mia città Gorizia, Qualcuno che faccia un’attività simile alla vostra ? Aspetto da chiunque legga questo messaggio una risposta positiva o negativa che sia. Ciao

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *