• Articolo Roma, 13 febbraio 2019
  • Rifiuti organici: in Italia raccolti 6,6 milioni di tonnellate

  • Aumenta la raccolta, ma mancano gli impianti di trattamento nel centro-sud. CIC: “Stiamo lavorando con il Minambiente per delineare un percorso che definisca le aree su cui intervenire con tempestività”

Rifiuti organici

 

 La raccolta annuale di rifiuti organici raggiunge i 108 kg procapite

(Rinnovabili.it) – Sono numeri tutti in positivo quelli che contraddistinguono la raccolta di rifiuti organici in Italia. A presentarli è il CIC, il Consorzio Italiano Compostatori, nella sua annuale analisi su differenziata e impianti di trattamento. I dati si riferiscono al 2017, anno in cui il settore ha raccolto 6,6 milioni di tonnellate di rifiuti organici (umido, verde e altre matrici organiche), in aumento dell’1,6% rispetto al 2016. La frazione si conferma così ancora una volta la più importante sul totale della differenzia urbana, rappresentando il 40,3% di tutte le raccolte.

 

A livello nazionale il dato procapite di rifiuto organico intercettato si mantiene sopra i 100 kg, passando da 107 a 108. I quantitativi maggiori sono quelli delle regioni settentrionali con ben 127 kg per abitante l’anno. Segue il Centro (114 kg/abitante per anno) e quindi le regioni del Sud (83 kg/abitante per anno). “Bisogna continuare a lavorare soprattutto nelle regioni del Centro e del Sud per raggiungere l’obiettivo di 9.150.000 tonnellate di rifiuto organico raccolte al 2025, ovvero 150 kg/ab/anno”, ribadisce Alessandro Canovai, Presidente CIC. “Sicuramente una spinta arriverà grazie al recepimento del Pacchetto sull’Economia Circolare approvato dalla Unione Europea nel giugno 2018 e che ha imposto come obbligatoria la raccolta differenziata del rifiuto organico entro il 2023”.

 

Rifiuti organici

 

Una differenza territoriale profonda che si percepisce anche a livello impiantisco. Nonostante le strutture di trattamento siano complessivamente aumentate (da 326 a 338) e sia cresciuto anche l’utilizzo della digestione anaerobica per la produzione di biometano, una buona parte d’Italia continua a soffrire di una cronica mancanza di impianti.

“L’impiantistica dedicata al trattamento del rifiuto organico al momento è in grado di soddisfare le esigenze di produzione nazionale, tuttavia emerge una concentrazione geografica degli impianti soprattutto nel Nord Italia”, aggiunge Canovai. “Questa  squilibrio costringe il Centro e il Sud Italia a trasferire i propri rifiuti organici in altre regioni con enorme  dispendio di denaro e CO2. Per risolvere questo stiamo lavorando insieme al Ministero dell’Ambiente per delineare un percorso strategico che definisca le aree in cui mancano gli impianti e su cui intervenire con tempestività”.

 

>>leggi anche Biometano in Italia, tra impianti virtuosi e ostacoli da risolvere<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *