• Articolo Roma, 25 luglio 2018
  • Troppa plastica, ENPA chiede il ritorno del vuoto a rendere

  • Alcuni Paesi, Germania e Finlandia ad esempio, lo stanno già facendo e stanno ottenendo risultati straordinari

plastica

(Rinnovabili.it) – Il vuoto a rendere come soluzione per arginare l’avanzata della plastica negli oceani, che mette a rischio l’ecosistema e, in primi, la fauna marina. È questa la proposta di ENPA, l’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali, una delle più antiche e grandi associazioni animaliste italiane, in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente.

Secondo l’associazione, è necessario “abbattere la produzione e l’immissione dei rifiuti di plastica nell’ambiente non è un’utopia, e non è neanche una missione impossibile. Alcuni Paesi, Germania e Finlandia ad esempio, lo stanno già facendo e stanno ottenendo risultati straordinari. Il segreto di questo successo è da ricercare in tre parole: vuoto a rendere”.

Stando a quanto sostiene l’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali, il vuoto a rendere nella sola Germania ha permesso di ridurre in maniera considerevole i rifiuti di plastica e di vetro dispersi sul territorio. Si parla di un drastico calo dell’80 per cento per le bottiglie di PET, il Polietilene Tereftalato, materiale plastico adatto al contatto alimentare, e addirittura del 96 per cento.

Restituire la bottiglia significa non solo ottimizzare l’uso delle materie prime attraverso le attività di riciclo, ma anche tagliare i costi legati alla raccolta, alla cernita e alla selezione di questo tipo di rifiuti.

Se il metodo del vuoto a rendere diventasse la norma, secondo ENPA “sparirebbero migliaia di lattine e bottigliette (di vetro e plastica) incivilmente abbandonate nei parchi, nelle aiuole, per strada, e che così tanti problemi causano agli animali (migliaia di uccelli muoiono per l’ingestione dei tappi delle bottiglie).” Il vuoto a rendere, inoltre, consentirebbe di ottimizzare la raccolta differenziata, eliminando molti di quei rifiuti gettati distrattamente nei cassonetti dell’umido.

In realtà, il vuoto a rendere non è esattamente una novità. I meno giovani lo ricorderanno, visto che la pratica era in uso fino a una trentina di anni fa. Dopo anni di consumismo e di usa e getta, facendo di necessità virtù, il vuoto a rendere potrebbe ritornare: un’abitudine che fa bene all’ambiente e all’economia. È quello che auspica l’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali, sperando che il nuovo ministro dell’Ambiente prenda a cuore la situazione.

2 Commenti

  1. Giovanni
    Posted luglio 25, 2018 at 6:18 pm

    È UNO SCHIFO TUTTA QUESTA PLASTICA

  2. Stefano Cicetti
    Posted agosto 11, 2018 at 3:38 pm

    abbiamo sempre più alimenti incartati con plastiche e materiali di cui non si conosce la natura dello smaltimento sono le aziende che devono incartare di meno in questi ultimi anni quello che è aumentato nei rifiuti la plastica e il polistirolo è cosi necessario incartare tutta questa verdura e frutta?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *