• Articolo Hawes, Yorkshire, 18 giugno 2019
  • Nello Yorkshire si produce biogas dagli scarti del formaggio Wensleydale

  • L’accordo tra il produttore del tipico formaggio Wensleydale e una bioraffineria locale per trasformare il siero di risulta in biogas.

formaggio wensleydale biogasGli scarti di 4 mila tonnellate di formaggio Wensleydale serviranno a produrre energia per scaldare 800 case l’anno

 

(Rinnovabili.it) – Fiumi di formaggio per scaldare casa durante l’inverno: l’idea arriva dal Regno Unito, dove uno dei maggiori produttori di formaggio Wensleydale ha stretto un accordo con una bioraffineria dello Yorkshire per la fornitura degli scarti di produzione (essenzialmente del siero) e la trasformazione in biogas.

 

Il formaggio Wensleydale è un prodotto tipico del Nord Yorkshire, reso famoso in tutto il mondo per essere l’alimento preferito di uno dei personaggi dalla serie animata in stop motion Wallace and Gromit: la Wensleydale Creamery si è impegnata a fornire gli scarti di siero delle oltre 4 mila tonnellate di formaggio prodotte ogni anno nello stabilimento caseario nei pressi della città di Hawes alla vicina bioraffineria Leeming. Qui il siero dovrebbe essere convertito in biogas tramite il processo di digestione anaerobica per essere poi immesso direttamente nella rete locale e garantire il riscaldamento di almeno 800 abitazioni.

Oltre al biogas, il processo produce fertilizzanti di qualità: “Una volta convertiti gli scarti della lavorazione del formaggio forniti dalla Wensleydale in biogas, possiamo fornire ciò che risulta dal processo alle fattorie nei dintorni per migliorare la qualità del suolo – ha spiegato Mike Dunn, cofondatore di Iona Capital, proprietaria della bioraffineria Leeming – Questo dimostra il reale impatto dell’economia circolare e la parte che investimenti intelligenti possono giocare nel ridurre le nostre emissioni di carbonio”.

 

>>Leggi anche Come ridurre l’impronta ambientale delle filiere agroalimentari<<

 

Lo stabilimento di Leeming fa parte di un gruppo di 9 bioraffinerie di proprietà della Iona Capital, una società d’investimento sostenibile particolarmente attiva nello Yorkshire. Secondo quanto riporto da portavoce della Iona Capital, il complesso delle attività nei vari stabilimenti e bioraffinerie della zona salverebbe oltre 37 mila tonnellate di emissioni ogni anno, mentre i biogas prodotti sarebbero sufficienti al riscaldamento di 8 mila case.

 

Prima ancora dell’accordo con la Wensleydale Creamery, la bioraffineria Leeming aveva stipulato un contratto con il produttore di gelati R&R per la trasformazione in biogas degli scarti di gelato raccolti durante le operazioni di pulizia delle vasche di produzione.

 

>>Leggi anche Norvegia: navi da crociera alimentate con biogas a base di scarti di pesce<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *