• Articolo Cagliari, 16 marzo 2017
    • Solare termodinamico, è scontro tra Governo e Sardegna

    • Regione, associazioni di cittadini e proprietari dei terreni ribadiscono il no all’impianto da 55 MW nelle terre agricole del Medio Campidano

    Solare termodinamico, è scontro tra Governo e Sardegna

     

    (Rinnovabili.it) – No all’impianto di Gonnosfanadiga. La Regione Sardegna torna ancora una volta sulla questione del solare termodinamico nel proprio territorio, all’indomani dell’approvazione del progetto da 55 MW nelle terre agricole del Medio Campidano. Il Ministero dell’Ambiente e la Commissione tecnica nazionale di Valutazione dell’Impatto Ambientale, infatti, hanno concluso il lavoro istruttorio, dando il via libera all’impianto e consegnando la procedura nelle mani di Palazzo Chigi, data l’opposizione del ministero dei Beni Culturali all’impianto.

     

    Ed è al governo che si rivolge il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, per chiedere lo stop della centrale Gonnosfanadiga e di quella di Flumini Mannu, progetto di solare termodinamico approvato in precedenza e  che interessa i Comuni di Villasor e Decimoputzu.

    “La Regione Sardegna ha sempre manifestato la propria netta contrarietà”, spiega Pigliaru nella lettera indirizzata al premier Gentiloni. Su Flumini Mannu la decisione finale è già stata deferita alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è ipotizzabile che lo stesso avvenga con Gonnosfanadiga. Ciò rende “opportuno e doveroso ribadire ancora una volta la forte contrarietà delle istituzioni regionali e locali, nonché dei territori.

     

    È alta infatti l’opposizione di comitati di cittadini e associazioni che si sono uniti in questi mesi ai proprietari, allevatori e agricoltori, delle aree su cui dovrebbero sorgere gli impianti. Proprietari che non hanno intenzione di vendere i terreni, per i quali si profilerebbe la concreta possibilità di un esproprio da parte del governo. “La realizzazione di questi impianti – prosegue la lettera – comporterebbe il sacrificio di un’area produttiva, attualmente adibita ad uso agricolo e al pascolo di bestiame. Ciò sarebbe in contrasto con gli obiettivi della politica agricola regionale per il consistente consumo di suolo agrario, per non parlare della mortificazione delle aziende agricole operanti in quei territori alle quali verrebbe negata la disponibilità di quelle aree con effetti di carattere economico-sociale facilmente immaginabile”. La preoccupazione è anche su quelli che sono definiti gli “inevitabili” impatti negativi sugli ecosistemi.

     

    Nella missiva Pigliaru spiega come il piano energetico ambientale della Sardegna riconosca strategici “la generazione distribuita da fonti rinnovabili e lo sviluppo di azioni destinate all’aumento della quota di autoconsumo” ma promuovendo e favorendo “istallazioni di taglia medio-piccola” che occupano poco territorio e soddisfano le esigenze energetiche locali e la diffusione delle reti intelligenti. Tutto il contrario dei progetti Flumini Mannu e Gonnosfanadiga che, per il presidente e chi oggi si oppone alle opere, occuperebbero superfici importanti senza ridurre il costo dell’energia per l’utenza finale.

    Tutte le News | Sardegna
    Micro smart grid: la Sardegna pubblica il bando da 3,9 mln15 marzo 2017

    Micro smart grid: la Sardegna pubblica il bando da 3,9 mln

    Pronti nuovi fondi per incrementare l’integrazione tra produzione, accumulo e consumo. I comuni sardi potranno presentare le domande dal 20 aprile al 20 luglio 2017

    santa-maria-navarrese-baunei-sardegna23 settembre 2016

    La Sardegna verso l’obiettivo emissioni zero

    Paci: “Riusciremo a fare della nostra isola un esempio felice di sostenibilità anche nel campo energetico”

    sardegna17 dicembre 2015

    Auto elettriche, la Sardegna prepara un piano da 20 mln

    Approvata una nuova delibera sui trasporti sostenibili. Obiettivo: creare un solido circuito regionale di mobilità elettrica e condivisa

    Adattamento al cambiamento climatico, la Sardegna gioca in attacco27 ottobre 2015

    Adattamento al cambiamento climatico, la Sardegna gioca in attacco

    L’amministrazione regionale firma il cosiddetto “Under 2 MOU”, accordo internazionale finalizzato a ridurre le emissioni climalteranti dell’80-90%

    portotorres07 agosto 2015

    Goletta Verde in Sardegna: c’è ancora strada da fare

    Nei circa 37mila ettari dei Sin di Porto Torres e Sulcis Iglesiente Guspinese e del sito de La Maddalena pochi i piani di caratterizzazione completati e ancora meno le opere di disinquinamento partite

    Biodiversità Vs trivelle: chi vincerà in Sardegna?05 agosto 2015

    Biodiversità Vs trivelle: chi vincerà in Sardegna?

    Parte l’appello di Legambiente contro le trivellazioni petrolifere alle Aree protette, gli enti locali e gli operatori economici

    30023 luglio 2015

    Rinnovabili e gas nel PEAR della Sardegna

    La giunta regionale sarda adotta le linee strategiche del piano energetico regionale. L’obiettivo è ridurre la CO2 del 40% rispetto al 1990

    12