• Articolo Washington, 11 maggio 2016
  • Le conclusioni di un recente studio di Machina Research

    IoT senza standard globali? È uno spreco da 340 miliardi di dollari

  • La troppa competizione tra tecnologie e piattaforme oggi esistenti rischia di penalizzare lo sviluppo e la penetrazione dell’Internet delle Cose nelle smart city. La soluzione? Standard globali subito

IoT senza standard globali? È uno spreco da 340 miliardi di dollari

 

(Rinnovabili.it) – L’universo dell’IoT contemporaneo è caotico come il mondo dei pesi e delle misure prima che gli Stati riconoscessero il sistema metrico internazionale. Esistono miliardi di dispositivi intelligenti, ma troppo spesso non riescono a comunicare tra loro. Semplicemente perché non sono stati progettati per farlo. Quindi trasformare questo arcipelago di tecnologie in un mondo più compatto e ordinato è la priorità numero uno. Lo sostiene uno studio della Machina Research, azienda specializzata in analisi e previsioni per tutto quel che riguarda le nuove tecnologie.

 

IoT senza standard globali? È uno spreco da 340 miliardi di dollariLa conclusione del report parla chiaro: se non si adottano le giuste contromisure, entro il 2025 andranno sprecati 341 miliardi di dollari. La contromisura suggerita è l’adozione di standard internazionali.

“Il mondo è oggi caratterizzato da tecnologie e piattaforme in competizione, quadro ulteriormente complicato dalle numerose organizzazioni per lo sviluppo degli standard – sottolinea Jim Nolan, vice presidente di IoT Solutions ed esperto osservatore del mondo dell’Internet delle CoseNon possiamo sperare di realizzare le ambizioni delle smart city fino a quando i portatori di interessi non si accorderanno su una serie di standard comuni”.

 

Come è stato conteggiato questo spreco? Secondo Machina Research, se si continuano a usare dispositivi IoT non standardizzati, il costo di sviluppo e implementazione delle smart city a livello globale supererà i 1000 miliardi di dollari nel 2025. Al contrario, se lo sviluppo procedesse con la stessa velocità ma sfruttando standard condivisi, il costo scenderebbe a 780 miliardi.

La differenza – 340 miliardi, appunto – diventa in quest’ottica uno spreco netto.

Altri vantaggi di una maggior integrazione tra dispositivi intelligenti: il loro numero potrebbe crescere del 27% nelle smart city e funzionare da volano per un ulteriore sviluppo.

“La nostra ricerca dimostra che standard aperti e condivisi servirebbero sia per migliorare l’efficienza degli investimenti, sia per accelerare la penetrazione dell’IoT nelle nostre città”, conclude l’autore del report Jeremy Green.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *