• Articolo Cagliari, 27 ottobre 2016
  • La Sardegna sperimenta l’adattamento climatico metropolitano

  • Parte il progetto Life MasterAdapt. Spano: “per la prima volta anche aree metropolitane protagoniste nelle strategie di adattamento”

città-resilienza-sostenibilitò

 

(Rinnovabili.it) – Il clima cambia le città. Le aree urbane sono tra i punti del Pianeta più sensibili ai danni degli eventi meteorologici estremi. Le trasformazioni determinate dalla progressiva cementificazione, come l’impermeabilizzazione dei suoli, hanno reso maggiormente rilevanti gli impatti di un clima impazzito, determinando di conseguenza danni più consistenti.

 

In quest’ottica, creare un fronte urbano di lotta al climate change diviene essenziale, se non addirittura obbligatorio. Ed è da questa necessità che nasce Life MasterAdapt progetto europeo che ha l’obiettivo di sostenere le regioni e gli Enti locali nella definizione e nello sviluppo di strategie di adattamento ai mutamenti climatici. L’iniziativa ha preso il via da Cagliari con la riunione di tutti i partner e l’assessorato dell’Ambiente della Regione Sardegna come capofila.

 

Con un finanziamento di 1,591 milioni di euro il consorzio si adopererà nella sperimentazione di strumenti innovativi di governance multilivello che permettano in primo luogo la protezione dei cittadini, delle infrastrutture, dei servizi e delle abitazioni dagli impatti del climate change in contesti di nuova istituzione come le città metropolitane o aggregazioni di Comuni, che condividono medesime vulnerabilità e analoghe capacità di risposta ma mancano di un organismo/strumento decisionale comune.

 

E per la prima volta l’Isola sarà oggetto di uno specifico approfondimento sulle aree urbane e metropolitane, con una fase di sviluppo e implementazione del metodo a Cagliari e a Sassari. “I cambiamenti climatici – spiega l’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano – sono ormai argomento trasversale per le politiche regionali e dobbiamo prenderne atto. Abbiamo quindi scritto il progetto per sperimentare – sui differenti livelli di governo regionale e locale – nuove metodologie di trasferimento delle diverse strategie di adattamento ai mutamenti climatici. Con questo progetto abbiamo l’occasione di occuparci con strumenti e approcci scientifici innovativi di azioni di adattamento nei comuni e nelle aree metropolitane in Sardegna”.

 

Tra le finalità, l’individuazione delle vulnerabilità e le priorità di azione per garantire un ridimensionamento efficace degli obiettivi della Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (SNAC). Il progetto si propone di sviluppare in particolare, a partire dall’esempio della Lombardia, una metodologia operativa e scalabile per ottimizzare e rendere efficace il raggiungimento degli obiettivi e l’integrazione delle politiche regionali settoriali rispetto all’adattamento ai cambiamenti climatici.

Un Commento

  1. Gaetano
    Posted novembre 29, 2016 at 11:49 am

    si, ma in che modo?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *