• Articolo Napoli, 19 giugno 2013
  • Il progetto pilota per riqualificare una parte della futura smart city

    Nasce il primo Quartiere Intelligente per Napoli Smart City

  • Da sabato 22 giugno partirà la fida “QI Quartiere Intelligente” il progetto pilota di rigenerazione e ri-utilizzo di spazi urbani secondo i principi della Smart City.

napoli smart city(Rinnovabili.it) – Sabato 22 giugno partirà dal quartiere Montesanto di Napoli la sfida QI Quartiere intelligente, il progetto pilota di rigenerazione e riqualificazione urbana per trasformare la città in una Smart City.

 

Il Quartiere Intelligente trasformerà il primo tratto della scala monumentale di Montesanto in un laboratorio a cielo aperto di buone pratiche, dove sperimentare il modello urbano sostenibile proprio delle Smart City, attraverso la qualità ecologica, il riciclo dei rifiuti, l’efficienza energetica, l’utilizzo di fonti rinnovabili e di materiali biocompatibili, tutti fattori capaci di influire e modificare i comportamenti e gli stili di vita dei cittadini.

 

“QI Quartiere Intelligente nasce per diventare un’officina comune, una piattaforma urbana di cooperazione e di produzione di cultura e di infrastrutture tecnologiche e immateriali”, spiega Cristina Di Stasio, presidente dell’Associazione QI e ideatrice del progetto.

Dal Quartiere Intelligente alla Smart City

 

Da sabato 22 giugno si aprirà una prima parte del QI Quartiere Intelligente dove troverà posto un orto urbano e didattico, mentre una parte dell’edificio accoglierà la mostra delle tavole di progetto che verranno poi presentate a settembre durante la conferenza internazionale.

Il QI Quartiere Intelligente “sarà un luogo dove si svolge e si promuove attività di ricerca, di creazione ed esposizione nei settori dell’architettura ecosostenibile, dell’urbanistica a zero impatto ambientale, dell’energia pulita, del combustibile ecologico e delle arti decorative e visive, del design, dell’artigianato, della produzione industriale, della moda, della comunicazione audiovisiva che creano prodotti di cui già si conosce il riutilizzo”, sottolinea Cristina Di Stasio.

Tra mercatini dell’usato e biologico, installazioni visive, mostre e laboratori, il prossimo weekend sarà l’occasione ideale per scoprire ciò che il progetto Quartieri Intelligenti ha in sebo per la futura smart city Napoli.