• Articolo Pechino, 12 marzo 2013
  • Posate contro bacchette 1-0

  • La produzione di bacchette cinesi usa e getta sta minacciando le foreste. Dal governo l’invito a fare di più per la lotta alla deforestazione

(Rinnovabili.it) – Al ristorante cinese non tutti usano le bacchette, ma fanno parte della tradizione, e almeno una volta ci siamo chiesti “ma come si fa a mangiare il riso con le bacchette?”. Bhè questa domanda potremmo non dovercela porre più visto che dalla Cina stanno mettendo in guardia i produttori di bacchette cinesi in legno usa e getta, colpevoli di minacciare le foreste.

 

La produzione delle “posate orientali” in 20 anni ha utilizzato circa 20 milioni di alberi, il quantitativo necessario per  riempire Piazza Tianamen con 360 strati di bacchette sovrapposte.

L’appello è stato lanciato da un legislatore cinese che è anche a capo di una società forestale e che ha esortato il paese a salvaguardare con maggiore attenzione il patrimonio boschivo. “Dobbiamo cambiare le nostre abitudini di consumo e incoraggiare le persone a portare il le proprie bacchette” ha dichiarato Bo Guangxin, il presidente del Jilin Forestry Industry Group. La Cina è il più grande consumatore e importatore mondiale di legno, e ha istituito un cinque per cento imposta sulle bacchette usa e getta e pannelli per pavimentazioni in legno nel 2006, nel tentativo di ridurre gli sprechi di legname.